ARS

Falcone (FI) attacca Baccei: “Cerca alibi per incapacità di risolvere problemi”

Falcone (FI): “Tuteliamo i nostri pescatori nelle acque internazionali”
26 mar 2015 - 14:09

CATANIA – Nei principali partiti – di maggioranza e di opposizione – si vivono fasi tormentate. Il Pd è dilaniato al suo interno dagli scontri per le candidature (come i casi di Agrigento e di Enna) e per l’approvazione della manovra finanziaria.

Su quest’ultimo punto si è aperta una spaccatura tra l’Ars e l’assessore all’economia Alessandro Baccei che sull’asse Palermo – Roma ha cercato di strappare l’ok del governo nazionale che, però, non si fida del parlamento isolano.

Baccei ha anche bacchettato – a seguito delle dichiarazioni al vetriolo del presidente Ardizzone – l’assemblea regionale: “Se a Palazzo dei Normanni si mettono a fare i maestrini, a cominciare dal presidente Ardizzone, si rischia di complicare tutto. II timore è che le norme che abbiamo approvato in giunta vengano modificate dopo avere ricevuto l’aiuto richiesto”.

A commentare le parole dell’assessore all’economia è il capogruppo di Forza Italia all’Ars che, a margine di una conferenza stampa, ha parlato ai microfoni di NewSicilia.it.

“Baccei molte volte cerca alibi ingiustificati e ingiustificabili – attacca Falcone - per evidenziare la sua incapacità o la deliberata volontà di Roma di non risolvere i problemi. Ma il vero problema è che Crocetta viene ritenuto inaffidabile a Roma”.

Il capogruppo forzista evidenzia anche “la conquista di poltrone del Pd” e le lotte fratricide tra i democratici, citando gli scontri e le punzecchiature tra Crocetta, Faraone e Renzi.

Sulla vicepresidenza dell’Ars – spettante all’opposizione ma “conquistata dal Pd” – Falcone fa chiarezza anche relativamente alle accuse interne di Saverio Romano affermando che si è trattato di “un colpo di mano di una violenza inaudita”.

“Il più votato tra i candidati- chiarisce Falcone - è stato Formica e tutto il centrodestra ha votato il consenso su quel nome e abbiamo esteso la compagine all’Udc, racimolando 27 voti: quindi il centrodestra si è allargato ai moderati ed è una prassi da poter replicare anche negli enti locali per le prossime elezioni amministrative”

 

 

 

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento