Denuncia

Emergenza abitativa a Siracusa, Coltraro: “Non possiamo lasciare le famiglie senza un tetto”

Giambattista-Coltraro
14 mag 2017 - 17:02

SIRACUSA - Riportiamo integralmente il discorso del deputato regionale di Sicilia Democratica, Giambattista Coltraro, pronto a chiedere al Prefetto di istituire un tavolo permanente sulle povertà dei locali emergenti, argomento che ormai non si può più trascurare.

Alla luce di una situazione estremamente grave, in cui non poche famiglie sono costrette a vivere da senzatetto, il deputato scrive:

“Facendo un giro per Siracusa e buttando gli occhi dentro alcuni edifici abbandonati del centro, ma anche delle campagne vicine al capoluogo, ho purtroppo constatato che l’emergenza abitativa nel nostro territorio sta assumendo contorni di una drammaticità assurda. C’è gente che nel silenzio dorme in luoghi di fortuna, o se le possiede in macchine parcheggiate da tempo immemore, perché prive di ogni copertura assicurativa o fuori uso per l’impossibilità di eseguire interventi di manutenzione meccaniche per rimetterle in strada. Non si tratta di quelli che vengono dichiarati “poveri storici”, ma sono persone diseredate dalla società, perché hanno perso il posto di lavoro e non hanno avuto la possibilità di rimpiazzarlo e che vivono la loro condizione mortificante nel silenzio, contando sulla solidarietà discreta del vicinato o dei parenti prossimi. Non possiamo permettere che l’esiguità dei fondi che arrivano nelle casse degli enti locali possa essere alibi per non agire. Di fronte a tanta sofferenza sarebbe disumano girarsi dall’altra parte e fare finta di nulla, mentre il fenomeno assume dimensioni paurose. Mi vengono in mente una serie di proposte, visto che al momento non è in atto alcun piano costruttivo di alloggi popolari. Bisogna fare un censimento di tutte quelle strutture di proprietà pubblica da poter ristrutturare e riconvertire in dimore di prima accoglienza per i senzatetto locali. C’è un patrimonio che giace inutilizzato, non è il caso di creare nuovi contenitori culturali, piuttosto di realizzare micro appartamenti dove accogliere, a termine, queste famiglie bisognose di sostegno. Capisco – continua Coltraro - che mancano i fondi per il recupero edilizio di questi immobili, ma sono certo anche che, come per una sorta di baratto amministrativo, queste persone sapranno offrire in cambio di una opportunità la loro forza lavoro. Cercherò di fissare a giorni un appuntamento con il Prefetto, per tentare di istituire un tavolo permanente sulle povertà locali emergenti”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA