Incontro

“Crocetta? Il peggior governo di sempre”, Giorgia Meloni contro tutti

giorgia meloni
28 dic 2015 - 18:08

CATANIA - È un fiume in piena Giorgia Meloni alla conferenza stampa che annuncia l’ingresso di Manlio Messina e Ludovico Balsamo in Fratelli d’Italia. 

Vulcanica e coinvolgente tratta i tanti punti in agenda esponendo un programma politico chiaro e preciso: lavoro, famiglia, lotta all’immigrazione clandestina.

Ricostruisce la storia che in questi tre anni ha portato Fratelli d’Italia ad essere un vero partito, non una “lista civetta”, come insinuato da qualcuno, ma un movimento in grado di dare risposte serie a problemi seri. “La scelta di Malio e Ludovico - afferma la Meloni - di aderire a Fratelli d’Italia è coraggiosa, è una scelta di valore, perché quando si sceglie un partito che non ha rappresentanti all’ARS, che non ha deputati sul territorio, un partito che ha difficoltà oggettive a dare risposte non avendo adeguate “poltrone”, significa che la scelta non è stata fatta per interesse proprio, e questo qualifica il partito e le persone che vi aderiscono“.

Parla di Crocetta e del suo esecutivo, che non esita a definire “il peggior governo di sempre“, augurandosi che si giunga rapidamente alle elezioni per dare la possibilità alla Sicilia di avere un governo che sappia fare il proprio lavoro; parla di sindaci che non governano la città, sognando poltrone più alte, mentre i cittadini sono in ginocchio; parla del governo nazionale, della povertà, delle politiche sull’immigrazione. 

Parla, soprattutto, della legge di Stabilità, dello scandalo delle banche e di come questi due argomenti siano strettamente legati.

È stata perpetrata una truffa bella e buona ai danni di tanti risparmiatori che non potevano sapere esattamente cosa stessero firmando. In oltre sessanta pagine di contratto non c’è scritta l’unica cosa importante: non ti garantiamo la restituzione dei soldi!“.

Sul conflitto d’Interesse a seguito del crack bancario che ha sconvolto l’Italia non usa mezzi termini: “Ma se ci fossi stata io al posto della Boschi avrei ricevuto lo stesso trattamento?“.

Una legge di stabilità che di fatto viene pagata in deficit, fatta di ‘marchette elettorali’, di bonus, che in realtà non risolvono i problemi ma si limitano a scaricarli sui nostri figli“.

Nello stesso Paese dove vengono dati 37 euro a persona agli immigrati, la Legge di Stabilità prevede un aiuto di appena 40 centesimi al giorno ad italiano bisognoso. Noi quantomeno chiediamo che siano equiparati. Che non ci siano poveri di serie A e di serie B“.

Chiara e precisa la politica di Fratelli d’Italia sull’immigrazione clandestina: “Bisogna combattere a monte le ragioni dell’immigrazione, prima che arrivino da noi, il che significa sostenere i governi legittimi, contro i fondamentalismi, e facendo una politica seria per i rifugiati che effettivamente hanno diritto a stare in Italia“.

Se l’Italia ha delle colpe sul problema dell’immigrazione clandestina e, soprattutto, sulla gestione dei migranti sul territorio, Giorgia Meloni richiama anche l’Europa a fare la sua parte.

Commenti

commenti

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento