Emendamento

Ci sono voluti 20 anni: approvato regolamento Asacom a Catania, Anastasi: “Vittoria per tutti”

Consigliere comunale Sebastiano Anastasi
23 mar 2016 - 11:58

CATANIA - “È stata una lunga battaglia e una grande vittoria per tutta la commissione”: è soddisfatto il consigliere Sebastiano Anastasi dopo l’approvazione del piano Asacom ieri in consiglio. Il regolamento, infatti, manca da oltre 20 anni, paradossalmente quando a capo della città di Catania c’era la stessa amministrazione di oggi.

Il caso è stato sollevato circa due anni fa dai consiglieri Elisabetta Vanin e Manlio Messina e, da qualche tempo, la commissione servizi sociali di Catania ha cercato di analizzare la situazione e presentare un regolamento che potesse andar bene. Il problema principale, spiega Anastasi, vicepresidente della commissione, era legato principalmente alle modalità di scelta dell’assistente Asacom: “Ogni famiglia deve poter avere la possibilità di decidere chi deve seguire il proprio bambino. Sicuramente, l’idea iniziale di creare una gara d’appalto per le associazioni non era idonea alla situazione”.

E il motivo è semplice: se una famiglia non si trova bene con un assistente non potrebbe cambiarlo fino alla fine del contratto stabilito dalla gara vinta da un’associazione. Invece, il sistema approvato, basato sull’accreditamento, garantisce numerosi vantaggi: “Credo che così sia uno stimolo in più alla competizione. – continua Anastasi – Il tutto a favore della qualità del servizio”.

Per arrivare all’approvazione c’è voluto del tempo, oltre che tanta determinazione: “Non si può negare – spiega il vicepresidente della commissione – che abbiamo incontrato numerosi momenti di difficoltà. Il primo quando molte associazioni hanno pensato che noi volessimo perdere del tempo e che il problema non ci stesse a cuore. Il secondo quando su 7 emendamenti ce ne hanno bocciati 7. Ma siamo stati tenaci e bravi a riproporre le nostre stesse idee con delle modifiche”.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA