Intervento

Catania, ritardi nell’assegnazione delle competenze alle municipalità. Anastasi: “Fare presto”

anastasi
16 gen 2016 - 11:47

CATANIA - Il Comune etneo non ha ancora assegnato le competenze alle sei municipalità e la scadenza si avvicina a grandi passi. Infatti entro il 18 gennaio il consiglio comunale dovrebbe ratificarle ma ancora si naviga a vista.

Con un ordine del giorno portato in aula non senza difficoltà dal consigliere di Grande Catania Sebi Anastasi si è impegnata l’amministrazione a sottoporre con somma urgenza la proposta di deliberazione per l’assegnazione delle competenze con i fondi specifici per le municipalità.

La legge regionale – la numero 11 del giugno 2015 – parla chiaro: se entro 180 giorni non verranno assegnate le competenze interverrà un commissario ad acta. 

“In consiglio comunale – spiega Anastasi - in molti, me compreso, vengono dalle municipalità e ben comprendono l’importanza di assegnare fondi e competenze. Per questa ragione abbiamo sollevato il problema sorto con il ritardo nell’applicazione della legge”.

“Sono anni che vi è un percorso sul decentramento amministrativo - prosegue Anastasi - e quando l’amministrazione ha la possibilità di intervenire attivamente arriva in forte ritardo. Specie con la costituzione della città metropolitana è fondamentale avere delle circoscrizioni funzionanti e con capacità di incidere. Con la mancata assegnazione di specifici fondi e personale non si può realizzare una efficace ed efficiente azione amministrativa nei territori”.

Quindi il consigliere di Grande Catania Sebi Anastasi fa un appello alla responsabilità per evitare il commissariamento visti i tempi ristretti.

“L’amministrazione è in netto ritardo – conclude - e si poteva segnare una discontinuità rispetto al passato. Le municipalità possono intervenire – con le competenze necessarie – su tanti aspetti della vita dei cittadini: dalla manutenzioni ai servizi sociali passando per la cultura. Con i fondi e le competenze si può fare molto e non si può perdere altro tempo”.

 

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento