Interpellanza

Catania, Notarbartolo: “Milioni per l’innovazione. Dove sono i risultati?”

notarbartolo
6 mag 2016 - 12:00

CATANIA -Sessanta milioni di euro già spesi ma con risultati impalpabili e il rischio che altri 90 milioni non apportino alcune reale innovazione e utilità alla Città di Catania”.

Lo scrive il consigliere comunale del Partito Democratico Niccolò Notarbartolo in una interpellanza rivolta all’amministrazione cittadina. Il riferimento è ai sessanta milioni dei progetti Smart Cities finanziati dal Ministero dell’Università e Ricerca assegnati a Catania e alle risorse previste, all’interno del Pon Metro, per Catania come area metropolitana, che ammontano a novanta milioni.

Durante il Governo della precedente amministrazione, il Comune di Catania, in partenariato con enti pubblici di ricerca e soggetti privati, ha consentito il finanziamento dal Miur di tre progetti Smart Cities – spiega Notarbartolo – Il finanziamento ottenuto è superiore a 60 milioni di euro e gli investimenti complessivi pari a circa 80 milioni di euro“.

I progetti riguardavano interventi di mobilità, decoro urbano, servizi sociali e in generale si proponevano di sviluppare una piattaforma Cloud open source nazionale per i sistemi informativi delle Pubbliche amministrazioni locali – prosegue Notarbartolo – Si sarebbe dovuta realizzare anche una piattaforma multimediale dedicata allo sviluppo turistico ed un museo multimediale sul patrimonio culturale di Catania e, attraverso un partenariato tra Comune, aziende private e Università, si proponeva di creare soluzioni innovative per l’efficientamento energetico del patrimonio immobiliare della pubblica amministrazione”.

Questi finanziamenti hanno generato grandi aspettative sulle potenziali ricadute sul sistema dei servizi erogati dal Comune, per questo credo sia opportuno comprendere quali siano i risultati tangibili che arricchiranno o miglioreranno la Città”, sottolinea il consigliere Pd, elencando alcuni dei progetti realizzati tramite i fondi Smart Cities: piattaforme multimediali per mostrare la città del sottosuolo, l’illuminazione delle Terme Achilliane, il Living Lab in via Manzoni, la piattaforma informatica “Città Policentrica” per mettere in rete i Servizi sociali comunali tra loro e con gli utenti.

A dispetto dei milioni di euro spesi per i progetti Smart Cities, però, la città di Catania è precipitata dal 47esimo posto del 2014 al 63esimo posto del 2016 nel rapporto Italia Smart 2016 sulla capacità delle città di dotarsi di infrastrutture intelligenti ed offrire servizi digitali di qualità ai cittadini – scrive Notarbartolo – E oggi, pur essendo stata conclusa la fase di sperimentazione, non risultano evidenze dei risultati ottenuti e dei benefici apportati dall’adozione delle soluzioni finanziate dal Miur”.

Alla luce di questo e in vista del finanziamento da 90 milioni di euro del Pon Metro, Notarbartolo chiede quale sia lo stato dell’arte di quest’ultimo programma:

Chiediamo di sapere se è stato predisposto un Piano strategico della città Metropolitana, se è stato definito un organigramma per la gestione del programma, condizione indispensabile per poter usare i fondi, se è stato definito un cronoprogramma di attuazione delle azioni nel periodo 2016-2023 e i criteri di assegnazione dei fondi stessi”.

Si tratta di risorse importanti, che finanzieranno programmi per la mobilità, l’Agenda digitale, gli edifici intelligenti e l’inclusione sociale – conclude Notarbartolo – Catania ha ottenuto in questi anni 150 milioni di euro per diventare una città più moderna, è fondamentale pertanto sapere quali siano i risultati ottenuti fin qui e come Catania potrà diventare in futuro una città capace di vivere il proprio tempo”.

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA