Scontro

Catania, nasce Progetto Popolare in consiglio. Messina: “Stanno sul carro del vincitore”

Manlio Messina
7 ott 2015 - 18:07

CATANIA - Procede non senza dolore la frattura in consiglio nelle file di alcuni gruppi con bordate anche piuttosto pesanti tra i consiglieri Manlio Messina – attualmente capogruppo di Area Popolare – e Carmelo Nicotra, proveniente da Sicilia Democratica.

I due, con altri colleghi tra cui Ludovico Balsamo, avrebbero dovuto dare vita a un nuovo gruppo (“Officina delle Idee”) di opposizione, ancorato al centrodestra ma con una matrice prettamente civica.

Nonostante la firma apposta per la costituzione Nicotra - pare dopo un colloquio con l’eurodeputato Giovanni La Via - ha annunciato il suo passaggio in Area Popolare.

Passaggio mal digerito da Messina che ha accusato il collega di incoerenza e che ha posto un veto al suo ingresso nel gruppo essendone ancora il leader.

Per aggirare l’ostacolo oggi è stata annunciata la nascita di “Progetto Popolare” che fa riferimento a Giovanni La Via. Ne fanno parte i consiglieri Carmelo Sgroi, Salvatore Tomarchio e Carmelo Nicotra.

Il nuovo gruppo mira ad essere “un’ opposizione costruttiva, pronti al dialogo, e a votare quei provvedimenti che faranno solo il bene della città”.

Una formula che sembra ricalcare quella sorta di appoggio esterno che Ncd ha recentemente garantito alla Regione al presidente Crocetta.

“Ma siamo anche certi - continua la nota – di non aver capito quale sia la reale volontà del collega Manlio Messina che da tempo annunciava la voglia di fare altri percorsi, e di costituire un nuovo gruppo quale ‘Officina delle idee’ ma nello stesso momento apprendiamo dagli organi di informazione di voler ancora rappresentare anche ‘Area Popolare’, gruppo, ricordiamo al consigliere Messina, fortemente voluto sin dalla nascita dall’onorevole Giovanni La Via”.

Non tarda ad arrivare la replica di Messina: “Sono felice di essere sempre nei pensieri dei colleghi che non perdono occasione per tirarmi in ballo. Ma vorrei dire loro, con la massima serenità, che prima di provare a capire le mie intenzioni, farebbero bene a capire le loro e sopratutto chiarire a se stessi e ai cittadini da che parte vogliono stare, se nel centro destra piuttosto che nel centro sinistra”.

Inoltre il consigliere precisa un distacco dalle posizioni iniziali di Ap: “Il gruppo Area Popolare è nato dall’unione di intenti di tante persone, tra cui anche l’onorevole La Via, e che tale intento era quello di creare un movimento che si collocava chiaramente è senza indugi (e inciuci) nel centro destra. Le posizioni dell’onorevole sono cambiate visibilmente e lui stesso ha dichiarato che nasceva l’esigenza, per salvare la Sicilia, di guardare anche al centro sinistra e ancora più grave che il nostro gruppo avrebbe dovuto sostenere Bianco, quale sindaco dell’area metropolitana, per avere un assessorato in Giunta Metropolitana”.

Poi la stoccata ai colleghi: “Probabilmente fanno bene loro a stare sempre sul carro del vincitore. Concludo, chiarendo sempre ai miei colleghi, che il gruppo Area Popolare verrà sciolto sicuramente, ma solo quando lo decideranno i consiglieri componenti del gruppo e non per decisione dell’onorevole La Via a mezzo stampa”.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento