Giustizia

Catania, la firma del ministro Orlando al protocollo d’intesa: dichiarazioni

IMG_4116
28 giu 2016 - 18:42

CATANIA - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando ha firmato oggi nella biblioteca della Corte d’Appello, un protocollo d’intesa insieme al Consiglio Dell’Ordine degli Avvocati di Catania, ai vertici degli uffici giudiziari, al Comune di Catania, alla Regione Sicilia, all’Assessorato alle infrastrutture della Regione Sicilia e all’agenzia del Demanio.

L’accordo serve ad avviare l’intervento di riqualificazione che porterà il plesso dell’ex palazzo delle Poste a diventare la nuova sede degli uffici giudiziari catanesi.

Presenti al tavolo della firma oltre al ministro Orlando anche il primo cittadino di Catania, Enzo Bianco, il presidente della Regione, Rosario Crocetta  e tutti i vertici della magistratura etnea con in testa il presidente  della Corte d’Appello di Catania Giuseppe Meliadò, il presidente del Tribunale, Bruno di Marco e il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Catania, Maurizio Magnano di San Lio.

IMG_4109

Siamo qui a produrre un salto di qualità nell’organizzazione degli uffici attraverso una razionalizzazione degli spazi, dell’edilizia. È un compito che è tornato direttamente in capo al ministero da meno di un anno e che stiamo svolgendo anche con risultati positivi, come credo si possa misurare da una realtà importante per la Sicilia come quella di Catania”, queste le parole del ministro Orlando.

Vi sono in Sicilia – ha aggiunto il ministro – realtà di grande efficienza, addirittura alcuni uffici si collocano nelle performance ai vertici a livello nazionale, e poi vi sono uffici in difficoltà. Quelli di Catania – ha concluso – erano uffici che avevano prevalentemente problemi di edilizia. Catania è una realtà nella quale insistono particolari problemi di scopertura. Spesso la mancanza di aule non consentiva di ottenere un numero adeguato di processi”.

È un momento di grande importanza per Catania e per la giustizia siciliana - così ha commentato il presidente Crocetta – un presidio importante come quello di Catania che amplia le proprie strutture contribuendo ad una accelerazione dell’efficienza della stessa azione della magistratura. Va in questo senso - conclude il presidente – la collaborazione positiva che abbiamo stabilito con la magistratura catanese, con il ministero, e con il Comune di Catania”.

L’avvocatura con la realizzazione di questo polo si troverà a svolgere l’attività in un solo luogo. È stato un risultato frutto di grandi confronti. È stata la soluzione che tutti ci aspettavamo, sulla quale c’è stata grande intesa queste le parole del presidente degli Avvocati di Catania Maurizio Magnano di San Lio. 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA