Dichiarazioni

Caso Pubbliservizi, la rinuncia di Giorgianni provoca l’agitazione di dipendenti e sindacati

pubbliservizi
4 mar 2017 - 09:11

CATANIA - La rinuncia dell’avvocato Michele Giorgianni alla presidenza della Pubbliservizi preoccupa i sindacati catanesi poiché allunga ulteriormente i tempi per la nomina di un nuovo amministratore della partecipata. Tutto ciò a fronte di una scadenza che rischia, se non rispettata, di provocare gravi conseguenze alla mobilità ed ai lavoratori.

Lo segnalano in una nota unitaria i segretari di Cgil e Filcams Cgil, Uil e UIL trasporti, Ugl e Ugl Igiene ambientale, e cioè Giacomo Rota e Antonio Filippi (commissario Filcams) Fortunato Parisi e Salvo Bonaventura, Giovanni Musumeci e Santo Gangemi.

“Il 31 marzo – avvertono i rappresentanti sindacali – scadrà il contratto che regola il rapporto tra l’azienda e la Città metropolitana. Per questo è stato proclamato, a partire da ieri (venerdì 3), lo stato di agitazione dei 363 lavoratori della Pubbliservizi. Abbiamo chiesto la nomina immediata di un nuovo amministratore e abbiamo chiesto al Prefetto e al sindaco metropolitano di far ripartire al più presto la macchina organizzativa aziendale. La nostra preoccupazione poggia purtroppo su basi concrete e ora ci aspettiamo ascolto e scelte definitive a tutela di lavoratori e servizio pubblico”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA