Processo

Caso firme false M5S: rinvio a giudizio per i 14 indagati

m5s sicilia
23 giu 2017 - 18:57

PALERMO - La richiesta della procura di Palermo di rinviare a giudizio i 14 indagati per la vicenda delle firme false del M5S è stata accolta.

L’inchiesta coinvolge in prima persona il deputato nazionale Riccardo Nuti, all’epoca candidato sindaco, e le parlamentari Giulia Di Vita e Claudia Mannino. Secondo la procura, si sarebbero accorti di un errore di compilazione che rendeva le firme impresentabili e quindi avrebbero deciso di ricopiare le sottoscrizioni ricevute.

Il processo comincerà il 3 ottobre davanti alla quinta sezione monocratica del Tribunale di Palermo. A deciderlo il gup Nicola Aiello.  

I reati di cui gli indagati sono accusati riguardano la violazione del testo unico regionale in materia elettorale.

Tra i 14 ci sono anche i deputati regionali Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca, poi ancora Samanta Busalacchi, e gli attivisti grillini Alice Pantaleone, Stefano Paradiso, Riccardo Ricciardi, Pietro Salvino, Tony Ferrara, Giuseppe Ippolito, e il cancelliere Giovanni Scarpello, accusato di avere dichiarato che le firme erano state apposte in sua presenza, reato di cui risponde in concorso con Francesco Menallo, ex attivista.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA