ARS

Cascio e Lo Sciuto: “Formazione, allarme sociale”

Palermo-Castle-bjs-1
27 gen 2015 - 16:22

PALERMO -Per l’ennesima volta l’assessore regionale alla Formazione, Mariella Lo Bello, diserta la seduta della V commissione dell’Ars, dimostrando totale disinteresse nei confronti di 4mila lavoratori in atto disoccupati e privi di ammortizzatori sociali, che rimangono drammaticamente in sospeso, nell’attesa di una qualche ricollocazione”. Lo affermano il coordinatore regionale di NCD, Francesco Cascio, e il deputato del medesimo gruppo parlamentare all’Ars, Giovanni Lo Sciuto, intervenendo sulle delicate questioni della formazione sociale.

Non sappiamo ancora – continuano Cascio e Lo Sciutoche fine faranno i 700 lavoratori del progetto ‘Prometeo’ istituito dal CIAPI; quelli del CEFOP, che rimangono senza lavoro dopo il passaggio di vendita dello stesso CEFOP al CERF senza che l’assessore abbia messo in campo soluzioni alternative. Inoltre – aggiungono – non parte l’annualità 2014-2015 relativa all’obbligo formativo relativo alla dispersione scolastica dei minori”.

Non conosciamo – precisano Cascio e Lo Sciutoquale sia la pianificazione dell’assessore riguardo ai lavoratori degli Enti a cui è stato revocato l’accreditamento”. Cascio e Lo Sciuto sottolineano: “Di fronte a questa confusione e all’esasperazione di lavoratori e famiglie, l’assessore Lo Bello, invece di occuparsi di risolvere i problemi del proprio assessorato, gioca a fare il vicepresidente della Regione – e concludono -. Crocetta e il suo governo capiscano, una volta per tutte, che i siciliani non possono essere trattati come pupazzi nelle loro mani e invertano la rotta che ci sta portando a sbattere”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento