Polemica

Attacco frontale per Crocetta. Ordine dei medici di Palermo sul piede di guerra. Valanga di ricorsi al Tar

Crocetta
9 mag 2016 - 09:00

PALERMO - Ricorsi al Tar contro gli atti aziendali di Asp e Aziende ospedaliere da un lato, rottura di ogni trattativa fra medici e governo della regione dall’altro.

È un attacco frontale non all’assessore Gucciardi ma al Presidente della Regione quello che si sta consumando in queste ore, un attacco alle scelte fatte dal governo dal 2012 in poi, un attacco ad una politica che non tiene conto di troppe variabili e abbandona il sistema.

I fronti di battaglia sono due. Da un lato c’è quello sindacale, dall’altro quello professionale. Cimo e Anaao Assomed, due sindacati autonomi del settore sanitario, chiedono un incontro urgente al manager dell’azienda Ospedaliera Civico di Palermo perché l’atto aziendale approvato dall’Arnas civico e confermato col decreto assessoriale violerebbe la revisione di spesa prevista e il D.M. 70 (il Decreto Balduzzi), nonché le Direttive Assessoriali emanate in materia di reclutamento del personale.

Una posizione che viene rafforzata con un ricorso presentato al Tar per l’annullamento dello stesso atto aziendale. Al centro delle contestazioni c’è ancora il nuovo reparto di ginecologia oncologica difeso con forza tanto dall’assessore quanto dal manager ma anche la stabilizzazione dei precari prima firmata e poi bloccata e tutti i criteri con i quali viene decisa la procedura di stabilizzazione, le piante organiche e così via.

Il Cimo presenta anche una tabella ministeriale sulla mobilità passiva in ginecologia oncologica contestando i dai del Civico che giustificano ampiamente la nascita del reparto. Ma ciò che preoccupa i tecnici in assessorato è l’apertura di un fronte giudiziario davanti al Tar.

Il ricorso contro l’atto aziendale dell’Arnas Civico rischia di essere seguito da analoghi ricorsi per tutti gli altri (o quasi tutti) atti aziendali. Fino ad ora il Tar raramente ha dato ragione alla Regione per quanto riguarda gli atti del governo Crocetta e questa tendenza crea preoccupazione anche perché una pioggia di sospensive bloccherebbe gli atti aziendali e con essi anche stabilizzazioni, assunzioni e concorsi. Una iattura in vista delle elezioni regionale di autunno 2017.

Il secondo fronte è quello professionale visto che l’ordine dei medici chiude, proprio in queste ore, a Crocetta e compagni. Un altro colpo abbastanza forte. “Scelte politiche, programmazione e organizzazione non adeguate dei servizi sanitari - dice il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, Toti Amato - e non concertate con le categorie professionali coinvolte, hanno messo in discussione il diritto alla tutela della salute, determinando disparità sociali sempre più evidenti e profonde che danneggiano il benessere delle persone, compromettendone anche la dignità. In Sicilia questo è accaduto più che altrove”.

Per leggere l’intero approfondimento di Manlio Viola clicca qui.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA