Dati

Amministrative 2016: ecco i risultati

Elezioni-comunali
6 giu 2016 - 08:05

SICILIA - Dopo la giornata intensa di ieri, che ha visto l’affluenza del 65,25% alle urne, c’è trepidante attesa per conoscere i risultati delle elezioni amministrative. Intanto, i primi dati sono già arrivati. 

Ecco quanto accaduto in provincia di Catania.

  • Il primo comune ad avere i risultati è stato quello di Ramacca. Giuseppe Limoli ha avuto il maggior numero di preferenze, con il 37,64% dei votanti dalla sua parte. Poco distanti da lui ci sono Francesco Niccodemo e Gaetano Nicolosi.
  • A Giarre sarà ballottaggio tra Angelo D’Anna e Tania Spitaleri.

A Palermo si è votato in un solo comune.

  • Terrasini: a vincere è Giosuè Maniaci del Partito Democratico, che ha battuto il Massimo Cucinella (sindaco uscente), Antonino Giannetto e Eva Deak.

Diamo uno sguardo a Caltanissetta.

  • A Vallelunga Pratameno la scelta è ricaduta su Tommaso Pelagalli di “Vallelunga nel cuore”, votato dal 52,66% degli elettori e preferito a Loreto Ognibene e Giovanni Noto.

In provincia di Enna.

  • A Barrafranca la vittoria è andata a Fabio Accardi (sostenuto dal Partito Democratico e dall’Unione di Centro), che ha superato altri tre candidati.
  • A Calascibetta, invece, si insedierà Piero Capizzi del Partito Democratico, vincente su Antonino Messina e Laura Marsala.

Ecco quanto accaduto in provincia di Messina.

  • Galati Mamertino, Antonino Baglio è stato eletto sindaco, complice la mancanza di concorrenza, dato che l’unico antagonista non è stato tenuto in considerazione per un vizio di forma. 
  • Ad Antillo, la vittoria va a Davide Paratore. Con il 54% di voti, il rappresentate de “La Nostra Terra – Antillo”, ha battuto la concorrenza di Antonio Di Ciuccio e Alduccio Paratore. 
  • Antonino D’Onofrio di “Impegno per Caronia”, invece, guiderà il comune di Caronia.
  • A Falcone il 56,32% delle preferenze è andato a Carmelo Paratore di “Insieme Possiamo”. Il neo-sindaco ha distaccato di qualche voto lo sfidante Francesco Salpietro.
  • Ristretto anche il numero di votanti (54,89%) che ha preferito Gaetano Artale a Giuseppe Franchina. Sarà il rappresentante di “Ficarra che vogliamo” a guidare il comune di Ficarra per i prossimi 5 anni.
  • A Patti, Giuseppe Mauro Aquino ha avuto il 43,46% delle preferenze. Complice l’appoggio di ben 4 liste, Aquino si è trovato in vantaggio sugli altri sei candidati
  • A rappresentare Rodì Milici sarà “Noi per Rodì Milici”e il suo rappresentante Eugenio Aliberti, che è stato scelto con il 58% di voti.
  • Molto ristretto il vantaggio di Dino Castrovinci (“Aluntini Uniti”) sul suo avversario, Filippo Miracula, per la corsa a sindaco a San Marco d’Alunzio.  Il 52,68% di voti gli ha consentito di sedersi sulla poltrona più importante.
  • A Sant’Angelo di Brolo, lotta sul filo del rasoio tra Francesco Paolo Cortolillo (“Libera Sant’Angelo”) e Tindaro Germanelli. Al primo è andato il 50,79% delle preferenze.
  • È, invece, il 64% degli elettori ad aver scelto Corrado Ximone di “Gruppo Civico per Torregrotta – Democrazia Patrtecipata” come primo cittadino di Torregrotta. Battuta, dunque, la sfidante Gioacchina Antonella Pavasili.
  • Ben 5 liste hanno consentito a Francesco Ingrillì di ottenere il 57,30% dei voti e di essere eletto a Capo d’Orlando.

In provincia di Siracusa.

  • Grande soddisfazione per Michelangelo Giansiracusa nel comune di Ferla: il sindaco uscente, infatti, è stato rieletto primo cittadino battendo il suo diretto avversario, Federico Piccione, cion oltre il 90% degli elettori dalla sua parte.
  • A Sortino sfida avvincente: Vincenzo Parlato di “Muoviamo Sortino” è stato preferito dal 25,98% dei votanti. A meno di un punto percentuale di distanza troviamo Carmelo Spataro. Poco distaccati Dionisio Mollica e Sebastiano Bongiovanni. Molto più indietro, invece, Ugo Aliano. 
  • Noto andranno al ballottaggio Corrado Bonfanti Corrado Figura.

A Trapani si è votato in un solo comune, Alcamo, che vede al ballottaggio Domenico Surdi e Sebastiano Dara.

A Montevago, in provincia di Agrigento, Margherita La Rocca Ruvolo (lista civica “Montevago Popolare”)ha potuto gioire al termine di un estenuante sfida con Calogero Impastato. Risultato incerto fino alla fine, quando il nuovo sindaco ha appreso la notizia di aver avuto il 52% di preferenze. 

IN AGGIORNAMENTO

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA