Difesa

Accusato di voto di scambio Cascio replica: “Non ho notizie di indagini a mio carico”

sentenza
23 mar 2016 - 10:46

PALERMO - “Non ho mai avuto notizia di indagini svolte sul mio conto, né mai mi è stato richiesto di rendere dichiarazioni in merito a tali presunti episodi”.

Lo scrive in una nota il coordinatore regionale di Ncd, Francesco Cascio, in merito alle notizie diffuse oggi sul suo conto. Il deputato siciliano sarebbe, infatti, indagato per voto di scambio.

“Fino al momento della notifica dell’avviso di fissazione dell’udienza camerale, per la decisione relativa alla richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di Palermo circa l’archiviazione di un procedimento nel quale sarei stato indagato per presunto voto di scambio – spiega Cascio – , relativamente alle elezioni regionali svoltesi nel 2012, non ho mai avuto notizia di indagini svolte sul mio conto, né mai mi è stato richiesto di rendere dichiarazioni in merito a tali presunti episodi”.

Cascio, difeso dall’avvocato Enrico Sansevero si difende, dunque, dalle accuse. “Se già la Procura della Repubblica, al termine delle indagini, aveva riconosciuto la mia assoluta estraneità a qualsiasi ipotesi di reato – aggiunge – , la richiesta di avocazione delle indagini da parte della Procura Generale non mi turba e anzi farò immediata richiesta per essere sentito in merito a quanto mi viene contestato, al fine di chiarire una volta e per tutte come il consenso elettorale del quale ho sempre goduto sia frutto del mio impegno politico onesto, trasparente e corretto nell’interesse della collettività”.

“Quello che è sconcertante –  conclude il deputato regionale dell’Ncd – è che si possa indagare nei confronti di un cittadino senza che questi venga reso edotto e non abbia la possibilità di fornire elementi a difesa, se non solo dopo che la notizia di un procedimento sia stata già diffusa con interessato clamore sulle pagine dei giornali”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA