Intervista

Piercing al naso, è polemica. La preside Cascio: “Non credo comprometta l’apprendimento degli alunni”

presa da: www.youtube.it
presa da: www.youtube.it
14 mar 2016 - 11:50

CATANIA - “Oggi non possiamo essere eccessivamente rigidi nel modo di rapportarci agli alunni e soprattutto dobbiamo contestualizzare le situazioni e capire cosa ha portato a una decisione di quel genere”.

A parlare è Cristina Cascio, dirigente scolastico dell’istituto onmicomprensivo statale ad indirizzo musicale “Angelo Musco” di Catania. Il pomo della discordia sono i piercing al naso. Gli ultimi fatti di cronaca ci portano a Portici, in provincia di Napoli, dove un professore ha dato l’out out ad un’alunna: “o ti copri il piercing o abbandoni la lezione”.

La vicenda ha subito scatenato una querelle tra coloro che si sono schierati a favore del professore condividendone la mossa e chi ha difeso l’alunna, ritenendo che bisogna tutelare la personalità di ogni singolo studente che deve sentirsi libero di dar sfogo alla propria “creatività”.

“Io penso che la scuola – continua il dirigente scolastico – debba servire da supporto ai genitori per impartire un’educazione sana ai ragazzi che devono capire che quando si va a scuola si deve sempre utilizzare un abbigliamento consono e comodo”.

“Non credo comunque – conclude la prof.ssa Cascio – che un semplice piercing al naso possa in qualche modo compromettere l’apprendimento degli alunni ma risulta comunque complicato commentare una vicenda del genere senza conoscere in prima persona la situazione che l’ha generata”.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA