Esami

Maturità 2015: al via la prova di italiano, esce Italo Calvino con “I sentieri dei nidi di ragno”

esami maturità tracce italiano
17 giu 2015 - 11:19

SICILIA - Sono circa 490 mila gli studenti italiani che oggi affolleranno le aule degli istituti superiori per cimentarsi nella temuta prima trance della maturità 2015. Come ormai da prassi, gli alunni hanno atteso con ansia che alle varie commissioni venissero consegnati i plichi sigillati in cui sono contenute le tracce relative alla prima prova, quella di italiano.

Anche quest’anno l’autore proposto per il tema letterario è uno scrittore del ’900; si tratta di Italo Calvino e del suo celebre romanzo “I sentieri dei nidi di ragno“. Sul testo scelto dal ministero dell’istruzione, i ragazzi dovranno effettuare un’analisi (poco importa che, come ormai da tradizione, si tratti di un autore che difficilmente viene inserito nei programmi didattici).

Per quanto riguarda invece l’argomento storico, oggetto del tema proposto è la Resistenza; i maturandi, partendo dal brano di Dardano Fenulli (ufficiale dell’esercito che accettò nel 1943 di aderire alla Resistenza e che per questo venne condannato a morte) dovranno ricostruire ed analizzare quel particolare contesto storico e lasciarsi andare a qualche riflessione di carattere personale.

Il tema di attualità invece riguarda il diritto allo studio e alla conoscenza. L’intera traccia dovrà trarre spunto dalla frase di Malala Yousafzai, premio Noble per la pace: “Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo“.

I maturandi potranno scegliere anche di redigere un saggio breve o un articolo di giornale su quattro diverse tracce: l’arte e la letteratura intese come elementi guida nella vita di un uomo, la capacità dei comuni cittadini di confrontarsi con il contesto economico e sociale attuale, il Mediterraneo e il rapporto tra la tecnologia ed il nostro attuale stile di vita.

Le tracce relative alla prova di italiano, almeno per quanto riguarda la maturità 2015, sono variegate, ma tutto sommato non impossibili da svolgere. Ad incutere paura, anche in questo caso come da tradizione, restano l’esame di indirizzo e la cosiddetta terza prova.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento