Concerto

Capodanno in piazza Duomo: inizio a suon di musica con Carmen Consoli e la Taranta

concerto-carmen-consoli-conferenza
30 dic 2016 - 13:54

CATANIA - Grande attesa per il concerto di fine anno che si terrà domani sera in piazza Duomo.

Il concertone organizzato per il quarto anno consecutivo nel cuore di Catania, vedrà quest’anno esibirsi Carmen Consoli e l’Orchestra popolare della Notte della Taranta, che daranno il benvenuto al 2017 facendo danzare i catanesi sulle note della pizzica.

Entusiasta il sindaco Enzo Bianco che, invitando tutti i siciliani per il Capodanno in piazza Duomo, ha avuto modo di dichiarare già in conferenza stampa: “Balleremo tutti insieme in piazza Duomo salutando un anno che speriamo sia positivo e bello per la nostra terra: la Notte della Taranta è una delle manifestazioni mondiali più significative nell’ambito della cultura popolare, uno straordinario esempio di come nel Sud ci si possa riappropriare di un fattore identitario forte facendolo diventare un grande successo“.

Per la “cantantessa“,”sarà una grande festa per augurare a una città solare ciò che merita per le sue bellezze, la sua gente e i suoi artisti. Auguro ai catanesi di liberarsi grazie a Taranta e Pizzica: questa musica è un balsamo dell’anima“.

Grande entusiasmo nelle parole dell’assessore alla Cultura Orazio Licandro: “Un evento esclusivo pensato con l’idea di un Meridione che scaccia via i pensieri negativi e si rimette in piedi con allegria, danzando“. 

La scelta ricaduta quest’anno su Carmen Consoli non è stata certo casuale, come spiegano le parole del primo cittadino: “Abbiamo chiesto a Carmen, che è catanese ma ha immediatamente colto lo spirito salentino, di aiutarci a portare un po’ di quest’aria magica nella nostra città“.

La “cantantessa” è stata la prima artista donna Maestro concertatore, chiamata a orchestrare e dirigere la grande ensemble popolare della Notte della Taranta a Melpignano, basato su una musica coinvolgente che affonda le proprie radici nella più autentica tradizione musicale del Meridione. Nel concertone finale il Maestro concertatore propone la sua rilettura personale del repertorio tradizionale salentino e gricanico (parlata locale derivata dal greco antico), al quale la “cantantessa” è riuscita a imprimere una straordinaria e originale energia e leggerezza.

Spiega Licandro: “Quella di Capodanno sarà una produzione unica, pensata apposta per Catania e, rispetto al concerto salentino, il repertorio e la performance scelte dall’artista per Catania avranno delle novità significative“.

Nella versione speciale ideata per la sua città, Carmen Consoli interpreterà e suonerà in alcuni brani senza mai smettere di dirigere l’orchestra.

Sul palco si esibiranno trenta musicisti del Salento, da lei diretti come Maestro concertatore “in una bellissima contaminazione di culture, salentina e siciliana, che hanno molto in comune, in quanto il Salento è federiciano e parla anche il siciliano“.

Come dichiara Carmen Consoli: “Soltanto impossessandosi delle proprie radici i popoli riescono a essere internazionali e ad alzare la testa creando eventi come la Notte della Taranta in grado di muovere decine di migliaia di persone, ma anche cultura ed economia. Da catanese sono felice di trascorrere il Capodanno qui. Sono contenta che Catania abbia avuto questa visione aperta valorizzando il recupero di cultura, tradizioni, identità legate al Sud“.

Sul palco, insieme alla “cantantessa”, ci saranno i suoi chitarristi (Denis Marino e Massimo Roccaforte) e l’Orchestra Popolare della Taranta (Roberto Chiga - tamburello, Alessandro Monteduro - percussioni, Giancarlo Paglialunga - voce e tamburello, Luigi Marra - violino, Antonio Amato - voce e tamburello, Antonio Marra - batteria, Roberto Gemma - mantici, Alessia Tondo - voce e tamburello, Enza Pagliara - voce e tamburello, Michele Minerva - basso, Nico Berardi - fiati, Gianluca Longo - mandola, Attilio Turrisi - chitarra battente, Ninfa Giannuzzi - voce e tamburello) e i danzatori salentini (Anna Donadei, Laura Boccadamo, Stella Temperanza, Moira Cappilli).

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA