Flash mob
 

Vittime e cadaveri davanti alle sedi di Equitalia e Riscossione Sicilia. La manifestazione di Forza Nuova

Vittime e cadaveri davanti alle sedi di Equitalia e Riscossione Sicilia. La manifestazione di Forza Nuova

11 mar 2016 - 10:51

CATANIA - Soggetti inanimati riversi al suolo, corpi esanimi coperti da un lenzuolo bianco, talvolta macchiato del rosso del sangue della vittima stramazzata al suolo.

Non è il set di un film horror, o l’ambientazione di in giallo da leggere tutto d’un fiato.

È il flash mob organizzato dai militanti di Forza Nuova, davanti alle sedi di Equitalia e Riscossione Sicilia.

Le immagini sono forti, il messaggio ancor di più: loro sono le ennesime vittime del fisco. 

“La chiusura di Equitalia è una battaglia che il nostro movimento porta avanti da anni e sempre con maggior veemenza – dichiara Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova -. I criteri di riscossione dei tributi devono essere radicalmente cambiati: va chiusa una società che usa criteri spietati non tenendo conto né della situazione del territorio né della congiuntura economica, per tornare a società locali che possano gestire in maniera umana e veramente equa le riscossioni”.

“Tanti politici – prosegue Fiore – si sono riempiti la bocca di questa tematica durante le campagne elettorali, per poi scordarsene una volta arrivati in Parlamento. Con queste azioni noi vogliamo dimostrare che alle parole preferiamo i fatti: azioni simboliche, ma che hanno lo scopo di risvegliare il nostro popolo dall’apatia in cui versa. Deve finire – conclude – il tempo della passività e della disperazione e deve iniziare il tempo della riscossa: gli italiani devono riconquistare il loro futuro”.

Marco Bua