Disagi
 

Via Santa Filomena è sotto scacco della pioggia: il ciclico triste destino del cuore della movida catanese

Via Santa Filomena è sotto scacco della pioggia: il ciclico triste destino del cuore della movida catanese

Commenti

commenti

6 dic 2016 - 22:37

CATANIA – È una delle strade più frequentate e suggestive della movida catanese, con tavolini messi fuori anche d’inverno. Sì… quando non è tutto allagato e non piove ininterrottamente da quasi un giorno.

Parliamo di via Santa Filomena, una traversa di via Umberto, sede di numerosi locali, che al momento è quasi completamente allagata a causa dell’abbondante pioggia che sta cadendo nel catanese e non solo.

Tombini otturati ed acqua ovunque. A giudicare dalle immagini, sembra quasi impossibile riconoscere quel vialetto sempre frequentato da chi aspetta il proprio turno per entrare nei locali o si ferma lì, a sorseggiare qualcosa da bere, mentre scambia qualche chiacchiera con degli amici.

A lanciare l’ennesimo grido d’allarme è un residente della via, Alberto Zozzo, che, tramite un post su facebook, si dice davvero stanco della situazione di criticità costante durante la stagione delle piogge.

“Come da tradizione ecco a voi Via Santa Filomena, perennemente allagata. Ho fatto presente più volte questa problematica, ma non ho ricevuto alcuna risposta. Notiamo uno sconcertante menefreghismo da parte dell’amministrazione Bianco rappresentato da una mancanza di interventi d’emergenza, come in data odierna e una mancanza di interventi strutturali volti a risolvere definitivamente questo problema”.

Un post pieno di amarezza quello di Zozzo, a cui non si è fatta attendere la risposta dell’assessore all’urbanistica Salvo Di Salvo.

“Mi dispiace contraddire, ma sono state pulite manualmente da meno di un mese. Qualche commerciante di via Pacini potrà confermarlo”.

assessore

Neanche la pioggia, quindi, riesce a sedare le polemiche e la città continua ad andare avanti in questo stato di paresi imposta dalla “calamità naturale” rispetto alla quale, sembra, non esista soluzione. 

 

 

Commenti

commenti

Vittoria Marletta



Lascia un Commento