Iniziative
 

Varie attività educative avviate dal Comune di Ragusa

Commenti

commenti

22 feb 2017 - 18:35

RAGUSA – Al via le attività di alternanza scuola-lavoro agli uffici turistici comunali di Piazza San Giovanni e Ragusa Ibla.

Per gli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale e Aereonautico “Fabio Besta” e dell’Istituto Statale Socio-Psico-Pedagogico “Giambattista Vico” di Ragusa ha avuto inizio il nuovo percorso formativo dell’alternanza scuola-lavoro.

Il tirocinio professionale-culturale è stato creato con lo scopo di approfondire ed applicare le competenze fornite dalla scuola nel settore del marketing internazionale per il turismo.

A dare il benvenuto agli studenti il sindaco, Federico Piccitto, che ieri si è recato all’ufficio turistico di Piazza San Giovanni per porgere il saluto dell’amministrazione comunale.

I ragazzi avranno modo di fare esperienza in attività di back office e front office, affiancando il personale in servizio nelle strutture turistiche comunali.

Un’altra attività a favore dei giovani studenti ha avuto luogo a Palazzo dell’Aquila, dove i bambini della scuola dell’infanzia “Cesare Battisti” hanno incontrato il sindaco Federico Piccitto e l’assessore alla Pubblica Istruzione Gianluca Leggio.

I bambini del terzo anno hanno consegnato al primo cittadino un album pieno di foto raffiguranti il percorso didattico svolto dall’inizio dell’anno al fine di conoscere al meglio la propria città.

Il progetto, denominato “Mille strade per crescere insieme”, si è basato su visite guidate nei luoghi più significativi del centro storico superiore, come la vallata Santa Domenica ed i tre ponti che caratterizzano la storia e l’architettura della città.

Il primo cittadino, ringraziando le maestre ed i piccoli per la visita e complimentandosi per il lavoro svolto, ha fornito ai bambini alcune informazioni storiche sul palazzo comunale e sulle funzioni basilari della macchina amministrativa.

Inoltre, è stata donata ad ogni bambino una cartella con stampe del Castello di Donnafugata.

Commenti

commenti

Roberta Rapisarda