Intervento
 

Valverde, l'amministrazione corre "in soccorso" del Santuario: "È la nostra identità, lo salveremo"

Valverde, l’amministrazione corre “in soccorso” del Santuario: “È la nostra identità, lo salveremo”

Commenti

commenti

23 dic 2016 - 16:01

VALVERDE – Mai come oggi, l’ineluttabile peso del tempo grava come un macigno su uno dei simboli storici della città, baluardo di fede, storia e tradizione della comunità valverdese: il Santuario di Maria SS. che domina l’omonima piazza.

Gli eventi atmosferici degli ultimi giorni, infatti, hanno messo a dura prova la stabilità di uno degli edifici di culto più antichi dell’Isola, suscitando la preoccupazione degli abitanti e dell’amministrazione comunale della cittadina etnea.

Il Santuario, consacrato nel 1296 alla presenza del re Federico II, ha da sempre rappresentato – e rappresenta tutt’ora – un punto di riferimento di estremo valore religioso oltre che storico-culturale per tutta la comunità.

La sua presenza imponente al centro della città ha scandito, sin dalla sua edificazione, la vita di Valverde e dei suoi abitanti, rappresentando il cuore pulsante di tutta la comunità valverdese e non solo.

Un edificio che tanto ha dato ai suoi cittadini e che oggi ha bisogno proprio di loro.

Puntuale la risposta dell’amministrazione comunale che si è immediatamente attivata per la messa in sicurezza dello stabile e che ha richiesto, con estrema urgenza, l’intervento di tecnici e specialisti per i rilievi del caso.

Questa mattina, infatti, il primo cittadino, Rosario D’Agata e il vicesindaco Gaetano Marziano hanno incontrato il capo della Protezione Civile regionale, Calogero Foti, giunto a Valverde proprio per fare il punto della situazione e mettere in campo tutti gli strumenti di salvaguardia del Santuario.

Da una primissima analisi sembrerebbe che le piogge torrenziali degli ultimi giorni abbiano provocato un cedimento del terreno sottostante la struttura. A chiarire quanto realmente accaduto saranno i rilievi geofisici e geomorfologici previsti per i prossimi giorni.

All’interno del Santuario, affidato all’ordine degli Agostiniani Scalzi sin dal 1697, vivono quattro frati, impegnati attivamente sul territorio, educatori dei tanti giovani valverdesi oltre che guide spirituali di riferimento per tutta la comunità.

Padre Nei Marcio Simon racconta il dispiacere creato della necessaria chiusura dei locali dell’oratorio, soprattutto in vista delle festività natalizie alle porte, sempre ricche di attività e iniziative benefiche per la collettività.

Chiaro il messaggio del sindaco D’Agata e del vicesindaco Marziano: “Il Santuario è la nostra identità, il Santuario è Valverde. Faremo il possibile per restituire alla città un bene a cui tutti siamo legati sin da quando siamo nati. L’intervento dell’ingegnere Foti e del suo dipartimento permetterà di analizzare a fondo il problema e di mettere in campo tutte le strategie necessarie per salvare il nostro Santuario”.

Commenti

commenti

Marco Bua



Un pensiero su “Valverde, l’amministrazione corre “in soccorso” del Santuario: “È la nostra identità, lo salveremo”

Lascia un Commento