Incontri
 

"Terre d'Aurori", bilancio più che positivo

7 gen 2016 - 16:41

ACIREALE - Bilancio positivo per l’iniziativa “Terra d’Autori”.

La prima tappa del nuovo cammino “Incontri con autori locali” è stata il 22 dicembre 2015 nei locali dell’ex Angolo di Paradiso all’interno della Villa Belvedere di Acireale, un’occasione per fare la conta degli autori locali e per presentarli alla cittadinanza insieme alle loro opere.

I vari autori hanno avuto la possibilità di conoscersi e di confrontarsi, potendo così proporre idee nuove e diverse per riempire il panorama culturale della città. Seconda tappa la “Tombola della Cultura”, il 2 gennaio 2016, serata nella quale al centro dell’attenzione ci sono stati i libri, (in parte messi a disposizione dagli autori), e la tradizione di Acireale, con le sue tipicità.

Lo spirito dell’iniziativa è stato interpretato nel migliore dei modi dagli autori locali e dai tanti partecipanti all’iniziativa che con sobrietà e “piacere dello stare insieme” hanno condiviso una serata all’insegna della cultura e della “divulgazione del sapere”.

Merito dell’iniziativa va alla curia, all’amministrazione e a tutti coloro che hanno voluto donare, ivi compreso i commercianti acesi, libri ed altre tipicità locali. L’iniziativa è stata portata avanti dai consiglieri comunali Mariella Bonanno, Giuseppe Ferlito e Teresa Privitera con la collaborazione dell’associazione “Le Formiche”.

Entrambi gli eventi sono stati presentati da Salvo Fichera che ha contribuito non poco a dare con professionalità il giusto tocco di vivacità. Gli autori hanno avuto modo di raccontarsi e di parlare di cultura anche in specifiche interviste “face to face” che daranno vita ad una videointervista collettiva.

I numeri della tombola: Importante la risposta dei cittadini, circa duecento i partecipanti; considerevole il numero dei libri messi in palio, (più di centocinquanta), dagli autori e dalle istituzioni. Alcune pubblicazioni, (attinenti il territorio), seppur in ritardo, sono giunte anche dagli Stati Uniti grazie al contributo del rappresentante italo americano del New Jersey; importante il contributo delle attività commerciali acesi (oltre un centinaio i premi messi a disposizione).

Con il ricavato dalla Tombola della Cultura si istituirà un premio letterario che verrà definito e protocollato nei prossimi giorni. Le iniziative dunque non mancano per rimettersi in gioco con la cultura, i primi semi sono stati gettati.

Redazione NewSicilia