Evento
 

Teatro Massimo: nuova produzione di Butterfly. Cast d'eccezione e maxischermo in piazza

12 set 2016 - 18:35

PALERMO - Una Butterfly attualizzata al secondo dopoguerra, in un momento storico per il Giappone simile a quello immaginato da Puccini, con il Paese sotto la dura occupazione degli americani. Una Butterfly ambientata in un teatro diventata casa di vendita di ragazze, soprattutto geishe, ai militari e ufficiali americani.

È questa la Butterfly del regista Nicola Berloffa, direttore Jader Bignamini, scene Fabio Cherstich, costumi Valeria Donata Bettella, luci Marco Giusti, che debutta al Teatro Massimo di Palermo venerdì 16 settembre (prova generale il 14 a favore di Telethon), una nuova produzione in collaborazione con il Macerata Opera Festival. Una produzione con un cast d’eccezione: Cio-Cio-San, il grande soprano cinese Hui He, e per il secondo cast Maria Katzarava (che debutta nel ruolo); Anna Malavasi (Suzuki), Raffaella Lupinacci (Suzuki del secondo cast); Brian Jadge (Pinkerton), Angelo Villari (Pinkerton secondo cast); Milena Josipovic (Kate Pinkerton); Giovanni Meoni (Sharpless) e il palermitano Vincenzo Taormina (Shapless secondo cast). Orchestra e coro del Teatro Massimo.

Il Teatro dedicherà la prima di Butterfly a Daniela Dess, il grande soprano recentemente scomparso, visto che proprio Butterfly fu l’ultima opera che l’artista cantò a Palermo nel 2012.

Oggi la conferenza stampa con il regista, il direttore, il cast, il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone. Venerdì alle 20,30 la prima, che sarà trasmessa all’esterno su un maxischermo davanti a una platea all’aperto, con posti a 1 euro e la conduzione di Stefania Petyx prima dello spettacolo e all’intervallo. Uno degli appuntamenti di una tre giorni (venerdì 16, sabato 17, domenica 18) che si chiama Piazza Massimo.

“Dopo aver aperto le proprie porte alla città - dice Leoluca Orlando, sindaco e presidente della Fondazione Teatro Massimo - il Teatro ancora una volta va incontro alla città, portando la musica in piazza, offrendo a tutti la possibilità di godere di momenti indimenticabili di svago e cultura in uno splendido scenario. Non solo come sindaco e presidente del Teatro, ma a nome di tutta la città credo doveroso dire un grande grazie agli artisti, alle maestranze e alla dirigenza del Massimo, che sono una grande risorsa per e di Palermo”.

Redazione NewSicilia