Mostra
 

Taormina, "Fantasie visionarie" per la prima volta in Russia

9 set 2015 - 17:11

MESSINA - È in corso dal 3 aprile scorso nello scenario di Taormina e Capo d’Orlando, la mostra “Fantasie visionarie” con le opere in acquarelli di Casimiro Piccolo e le sculture in bronzo dell’artista tedesca Carin Grudda.

La mostra sarà visitabile sino al 30 novembre.

Il progetto, ideato da Giuseppe Benedetto e Lorenzo Zichichi, è curato da Lea Mattarella e Silvia Mazza

L’evento dispone all’interno anche delle meravigliose immagini delle opere realizzate dal fotografo Luigi Nifosì. La presentazione avverrà domenica 13 Settembre a Taormina al Teatro Antico, Museo delle Epigrafi, alle ore 19.00.

Inoltre, in occasione della mostra, il Belvedere del Teatro di Taormina è stato ripulito e, lo storico Museo delle Epigrafi, rimasto per anni chiuso al pubblico, è stato reso nuovamente agibile. 

Durante la presentazione, verrà inoltre annunciata la prossima tappa della mostra che si terrà a San Pietroburgo. Per la prima volta in assoluto, infatti, le immagini del Teatro Antico saranno visibili ad un pubblico russo nell’Accademia Russa. Quest’ultima è stata istituita nel 1757 a San Pietroburgo dal conte Ivan Suvalov su ordine di Elisabetta I di Russia e divenne autonoma nel 1763 durante il regno di Caterina la Grande. Situata sulla Neva di fronte al Museo dell’Ermitage, ha raramente accolto mostre di artisti italiani se non del calibro di Giacomo Manzù o Piero Guccione. Questo, dunque, sarà un evento esclusivo per portare Taormina in Russia. 

       

Rossana Nicolosi