#AnticrimineOggi
 

Succede a Catania e provincia: 30 dicembre MATTINA

30 dic 2016 - 13:08

CATANIA - Polizia e carabinieri: ecco i fatti di cronaca più importanti di questa mattina a Catania e provincia.

  • I carabinieri di Camporotondo Etneo hanno arrestato Matteo Antonio Salvatore Riso, 24 anni, su ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del tribunale di Bergamo. L’uomo è stato ritenuto responsabile in concorso di una rapina ai danni dell’Istituto di Credito Cooperativo Bergamasca e Orobica. Il reato è stato commesso il 26 agosto scorso a Brusaporto, in provincia di Bergamo. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza, come disposto dall’autorità giudiziaria.

    Matteo Antonio Salvatore Riso 25 anni

    Matteo Antonio Salvatore Riso 25 anni

  • I carabinieri di Viagrande hanno arrestato un uomo di 25 anni del luogo, nell’ambito dell’esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dal tribunale di Catania. Il G.I.P., una volta tenuto conto delle risultanze investigative prodotte dai carabinieri, ha ritenuto il giovane responsabile di estorsione e maltrattamenti in famiglia, reati commessi a Viagrande nel 2015. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza, come disposto dall’autorità giudiziaria.

  • I carabinieri di Santa Maria di Licodia hanno arrestato in flagranza di reato un giovane di 16 anni di Adrano per furto aggravato. Ieri sera, una pattuglia, durante un servizio di controllo del territorio, ha sorpreso il ragazzo sulla Strada Statale 284 mentre era alla guida di una Fiat Uno. Il minorenne alla vista dei militari ha tentato la fuga ma è stato subito raggiunto e bloccato in prossimità di Adrano. I militari, una volta eseguiti i controlli, hanno accertato che il mezzo era stato rubato poco prima nel parcheggio del centro commerciale “Etnapolis” a Belpasso. L’autovettura è stata restituita al legittimo proprietario. Il minore è stato accompagnato nel centro di Prima Accoglienza di Catania di via Franchetti, come disposto dall’autorità giudiziaria minorile.

     

  • I carabinieri di Palagonia hanno arrestato Salvatore Gulizia, 77 anni (nella foto sotto) del luogo, per porto e detenzione abusiva di armi e munizionamento. Ieri mattina, una gazzella, durante un servizio di controllo della circolazione stradale, ha imposto l’alt all’uomo che guidava una Fiat Tipo in via Di Fuga. I militari, insospettiti dall’atteggiamento irrequieto dell’uomo, hanno effettuato una perquisizione personale e del mezzo ritrovando, nascosta abilmente nel vano porta oggetti dell’auto, una pistola beretta cal. 7,65 con caricatore e 7 cartucce inserite. Durante la successiva perquisizione domiciliare i militari hanno ritrovato altre 71 cartucce per pistola dello stesso calibro, che sono state sequestrate. La pistola, sottoposta a sequestro, sarà inviata al reparto investigazioni scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnico balistici e biologici e per stabilire se sia stata utilizzata in eventuali azioni criminose. L’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria del calatino, è stato ristretto ai domiciliari.

image1 Salvatore Gulizia 77 anni

  • Sempre i carabinieri di Palagonia hanno arrestato Salvatore Marino, 47 anni, di Scordia, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Ieri sera, una gazzella, durante un servizio di controllo del territorio, ha sorpreso l’uomo alla guida di una Fiat Doblò  mentre percorreva la Strada Provinciale 13 in direzione di Lentini, sprovvisto della patente di guida revocata in precedenza per mancanza di requisiti morali, in violazione degli obblighi della Sorveglianza Speciale. Inoltre i militari all’interno del mezzo hanno rinvenuto un coltello a punta lungo 17 cm, che è stato sequestrato. Così dovrà rispondere anche del reato di porto di oggetti atti ad offendere. L’uomo è stato posto ai domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria.
Salvatore Marino 47 anni

Salvatore Marino 47 anni

  • Nella giornata di ieri il personale del commissariato Borgo-Ognina,in collaborazione con il personale del reparto Annona dei Vigili Urbani, ha effettuato controlli nel quartiere di Picanello finalizzati al contrasto dell’illecita vendita di artifici pirotecnici. Nel corso di un controllo effettuato in viale Marco Polo, è stato identificato un uomo che deteneva un ingente quantitativo di fuochi pirotecnici. Così all’uomo è stata imposta la sanzione pecuniaria da 154 euro a 1549 euro e tutto il materiale esplosivo è stato sequestrato. Un secondo blitz, portato a termine nella mattinata odierna, è stato eseguito in via Caduti del Lavoro dove ancora una volta è stata individuata una persona che vendeva illegalmente una grande quantità di fuochi d’artificio. Anche in questo caso, tutto il materiale è stato sequestrato e l’uomo è stato sanzionato anche per occupazione del suolo pubblico. La merce sequestrata, oltre 2mila botti è stata trasportata per la custodia presso il deposito comunale. 

Redazione NewSicilia