Divertimento
 

Stravagante parata al centro storico: i buskers al Castello Ursino

13 set 2016 - 19:03

CATANIA - Giocolieri, circensi, musicisti, attori, acrobati, in una sola parola buskers, riuniti intorno alle mura, lungo il fossato, e dislocati tra le strade del quartiere sorto intorno al maestoso Castello Ursino, per offrire spettacolo, arte, storia e divertimento, alla corte etnea.

Una stravagante Parata per il centro storico, capitanata dalla Piccola Scuola Popolare di Percussioni Sambazita, diretta da Manola Micalizzi, invaderà le vie di Catania per regalare allegria, colori e spettacolo a chiunque s’imbatterà nella festosa banda di Ursino Buskers. Un modo semplice e divertente per riconquistare le strade dello splendido centro storico catanese attraverso la musica, la creatività, la cultura e le arti.

L’appuntamento è fissato per giovedì 15 settembre con partenza, alle 18, da villa Bellini per percorrere le vie del centro fino ad arrivare sotto il Castello Ursino, a Piazza dei libri, per dare il via al concerto gratuito dei Babil On Suite a sostegno del Festival e concludere con il dj set di Mr. Funky Gramigna da Zurigo. Quest’anno, quindi, la festa in Piazza Federico di Svevia comincia con una sera di anticipo.

Il Festival di Arti di Strada, invece, sarà inaugurato alle 19 di venerdì 16 settembre e proseguirà fino a notte con gli spettacoli dei quaranta artisti protagonisti di Ursino Buskers. Il sabato 17 e la domenica 18, invece, dalle 17 alle 19 si terrà anche “Ursino Kids”, i laboratori e le attività ludico-didattiche dedicate ai più piccini, ed alcune esibizioni collaterali come capoeira, drum circle, percussioni e la visita guidata alla storica Bottega del Puparo dei fratelli Napoli, per poi proseguire con i sessanta spettacoli del cartellone di Ursino Buskers 2016. Domenica 18 settembre, giorno conclusivo del Festival, uno spettacolo di Pupi firmato fratelli Napoli in piazza Maravigna e a tarda serata il Gran Galà finale che vedrà gli artisti principali riuniti al Castello Ursino.

La più bella novità di questa terza edizione del Festival ce la raccontano gli stessi organizzatori, gli attivisti dell’Associazione Gammazita:  “Siamo orgogliosi nell’annunciare l’ingresso nel cast artistico del ‘Piccolo Circo Gammazita’. I nostri giovanissimi pestiferi del quartiere, allievi della Scuola Popolare di Giocoleria e Circo Sociale G.A.P.A./Gammazita, si esibiranno in un vero e proprio spettacolo di cabaret al Castello Ursino, domenica alle ore 18″.

“Invece che dormire o giocare a pallone al Castello in queste ultime settimane delle vacanze estive si incontrano tutte le mattine nella palestra polare G.A.P.A. per preparare uno spettacolo all’altezza del buskers e si allenano per ore mettendoci tutto l’impegno possibile”.

Raccontano i volontari che li stanno seguendo in queste frenetiche giornate di organizzazione “vederli esibirsi in gruppo, proprio nella giornata conclusiva del Festival, sarà per noi un’emozione enorme. Questo è il vero risultato di Ursino Buskers, ma anche la ragion d’essere della nostra Associazione, e dopo tre anni di attività possiamo dirlo ad alta voce: le arti di strada possono cambiare il volto di un quartiere portando il sorriso là dove, troppo spesso, la normalità lo nega”.    

Il Festival Ursino Buskers è anche un’occasione di scambio e di crescita per artisti e principianti con i workshop formativi che quest’anno spaziano dall’equilibrismo alla manipolazione di cappelli, passando per tecniche d’improvvisazione, trampoli, palloncini, giocoleria, tessuti aerei e hula hoop, tenuti dagli stessi artisti internazionali del Festival e che inizieranno il 14 settembre e si concluderanno il 19 settembre. Oltre alla magia degli spettacoli buskers, il Festival è arricchito da un esteso street market, street food e da estemporanee ed esposizioni d’arte. Tutto il Festival prevede la partecipazione rigorosamente gratuita del pubblico, con contributo finale “a cappello” come da autentica tradizione buskers ad esclusione dei laboratori e dei workshop che prevedono un piccolo contributo per gli artisti.

Ursino Buskers 2016 coprirà quindicimila metri quadri del centro storico catanese che dal 15 al 18 settembre verranno trasformati in area pedonale. Gli scorci più belli e ricchi di storia dell’antico quartiere polare diventeranno palcoscenico e scenografia dei cento spettacoli giornalieri. Le aree di svolgimento del festival saranno: il frontale del Castello Ursino con il Circo contemporaneo e l’Acrobatica aerea; Piazza dei Libri/Gammazita, con la musica live; piazza Maravigna con il Circo contemporaneo e i Pupari fratelli Napoli; piazza Magazzini con il Teatro di strada e con un allestimento da fiaba curato dalla Bottega Cartura; via San Calogero e il cortile del Pozzo di Gammazita con esposizioni e musica live; il fossato del Castello con workshop e laboratori; piazza Federico di Svevia retro Castello, la nuova area di questa terza edizione del Festival, chiamata Bufalo con il Circo e il Fire Show.

Il festival Ursino Buskers ci dà delle soddisfazioni impagabili. Chi se lo aspettava che i 20.000 spettatori della prima e i 35.000 della seconda edizione avrebbero creduto nella folle idea, condivisa da una decina di ragazzi, di riqualificare il quartiere attraverso le arti di strada!”, affermano gli attivisti dell’Associazione culturale Gammazita. “Ci teniamo a precisare che il Festival Ursino Buskers 2016 è integralmente autofinanziato ed organizzato dal basso, grazie alla preziosissima collaborazione con altre associazioni, collettivi e singole persone che da mesi stanno lavorando incessantemente ad allestimenti, alla creazione di arredi urbani e a rispondere a tutte le esigenze che ha una manifestazione di questa portata. Ursino Buskers è il Festival dei cittadini e senza il sostegno delle singole persone, sia morale che materiale, non potrebbe esistere”.

Il ricco cast artistico di Ursino Buskers 2016 conta di grandi nomi nazionali ed internazionali tra cui: Kolektiv Lapso Cirk  (Spagna/Slovacchia/Italia) un trio di acrobati e circensi che spicca tra le più giovani e talentuose compagnie di Circo Contemporaneo del panorama europeo: Mr Bang (Regno Unito/Francia) un eccentrico clown pirotecnico; Circo El Grito (Uruguay – Italia) un Circo Contemporaneo all’Antica, primo esempio italiano di circo contemporaneo sotto tendone che entra in maniera sistematica nei più importanti centri culturali del Paese; Richard Grainger Trio (Regno Unito) un trio folk inglese che racconta il nord dell’Inghilterra; TestaGrande Production (Sicilia) gli artisti della storica bottega Cartura, i maestri del gruppo musicale AngoloGiro insieme a SullaLuna, grafici multimediali, creano una compagnia che unisce diverse arti e linguaggi in una nuova filosofia di rappresentazione, lo spettacolo trasformabile; Gaspare Balsamo (Sicilia) una delle voci più singolari e potenti del teatro siciliano contemporaneo nonché uno dei più grandi artisti di cunto. Lucas De Lima (Brasile/Francia) un talentuoso artista che fonde danza e giocoleria in performance infuocate da strada; la Compagnia Alta Gama (Argentina/Spagna) acrobati in bicicletta, musicisti, attori e clown; la hooper e contorsionista Linda Vellar (Torino); il simpaticissimo clown metropolitano Mike Rollins (U.S.A) e ancora i LassatilAbballari (Sicilia) un gruppo musicale capace di raccontare il mondo attraverso strumenti antichi e musiche popolari; i Tinto Brass Street Band (Sicilia); Mimì Sterrantino e gli Accusati; Duo Slap performer percussion messinesi; Alice Ferlito; e chi più ne ha ne metta. “Grandi nomi che ci permetteranno di creare momenti di confronto veramente importanti e formativi sia a livello artistico che di scambio interculturale. A loro, talentuosi artisti e splendide persone, va il nostro più sentito grazie perché hanno sposato un’idea chiedendoci solo le spese di rimborso di viaggio, vitto e alloggio”, concludono gli organizzatori.

 

Rossana Nicolosi