Indagini
 

Spaccio di droga sull'asse Trabia-Palermo: 2 arresti e 11 denunce

Spaccio di droga sull’asse Trabia-Palermo: 2 arresti e 11 denunce

Commenti

commenti

22 dic 2016 - 15:18

PALERMO - I carabinieri della stazione di Trabia e della compagnia di Termini Imerese hanno arrestato Alessandro Giuseppe Indricchio, 27 anni, e Giacomo Varia, quarantasei anni, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari.

Alessandro Giuseppe Indricchio, 27 anni

Alessandro Giuseppe Indricchio, 27 anni


Giacomo Varia, 46 anni

Giacomo Varia, 46 anni

Le indagini avviate nel gennaio 2015, hanno consentito di far luce su una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, marijuana e cocaina nel territorio del Comune di Trabia, documentata mediante attività di intercettazione telefonica ed ambientale ma anche attraverso un sistema di video ripresa nei luoghi dove avveniva lo spaccio della droga.

In particolare, Alessandro Giuseppe Indricchio, aveva organizzato un vero e proprio supermarket della droga, dato che numerose, quasi quotidiane, sono stati gli scambi documentati ai clienti che si rivolgevano a lui, sicuri di trovare ciò che cercavano.

Lo spaccio, rivolto anche a minorenni, avveniva dentro la sua abitazione con un meccanismo collaudato: fischio da parte del cliente, consegna dei soldi dalla finestra dove avveniva lo scambio, oppure consegna dei soldi e lancio dello stupefacente dal balcone.

Peraltro questi fatti avvenivano nel periodo in cui Alessandro Indricchio era sottoposto alla detenzione domiciliare. Dalle indagini è emersa una particolare accortezza dell’indagato nel procedere con lo spaccio, tanto che in alcuni episodi è stata accertata la presenza di “vedette” pronte ad informarlo sulla presenza o meno in zona delle forze di polizia come dimostra questo stralcio di intercettazione: “Dai scendi….perché l’orario è quello…ora quello viene….se vedi salire la macchina degli sbirri..se è…fammi due fischi subito….lo faccio uscire dalla finestra…”

Oppure: “stai attento che ci sono gli sbirri…stiamo attenti..”

Particolarmente interessante risulta il linguaggio utilizzato per denominare la droga come testimonia questo stralcio di intercettazione: “per questa sera prendete dinamite…” (intesa sostanza stupefacente del tipo cocaina).

Oppure “Lo hai visto che ho il tritolo qua!!!….tritolo …” (intesa sostanza stupefacente del tipo cocaina). il fornitore di alessandro indricchio è risultato essere il citato Varia Giacomo, residente a Palermo che consegnava lo stupefacente a domicilio.

È emerso in maniera inequivocabile che il citato varia fosse per Alessandro Indricchio la principale fonte di approvvigionamento di cospicue quantità di hashish e di cocaina. In particolare è stato acclarato che nel corso delle indagini, il Varia abbia consegnato dapprima hashish per un valore di 850,00 euro e poi ancora altro hashish del peso di 1 kg per un valore di euro 3.150,00 ed infine cocaina come testimoniano questi stralci di intercettazione: “ 860.00 euro di fumo che hai dato a me mi e’ rimasto tutto dentro!!”, “ quanto ne hai portato?..un pacco! e un pacco quanto è?..10 panette..ah un chilo?” nelle indagini è emerso come l’Indricchio alessandro decantava la qualità dello stupefacente da smerciare ai suoi assuntori come si evince in maniera inequivocabile dalle seguenti intercettazioni:” solo noialtri abbiamo questo…. è il meglio fumo quello che c’è…senti che profumo che fa” oppure allorquando all’atto della cessione di cocaina ad un assuntore esclama: ”puoi fare figura con i cristiani”.

Gli altri 11 soggetti denunciati in stato di libertà risultano anch’essi indagati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



Lascia un Commento