Furto
 

Sorpresi a rubare in un deposito giudiziario: arrestati due giovani di Partinico

18 lug 2016 - 09:00

PALERMO - Pensavano di farla franca, ma i carabinieri della Compagnia di Partinico li hanno beccati con le mani nel sacco mentre rubavano due ciclomotori e li hanno arrestati.

Una pattuglia dell’arma, allertata dal titolare di una depositeria che aveva sentito rumori dal piazzale notando due giovani che si allontanavano con due motorini oggetto di sequestro amministrativo, è riuscita subito a bloccare uno dei due malviventi mentre tentava di allontanarsi con un mezzo.

Le immediate indagini hanno permesso di identificare anche l’altro complice. I carabinieri hanno, quindi, passato a setaccio tutta la Contrada Bisaccia per bloccare il ladruncolo che è stato rintracciato nei pressi della stazione ferroviaria sotto un cumulo di rifiuti.

L’escamotage adottata per depistare i militari non ha funzionato. I carabinieri nei pressi della stessa stazione hanno rinvenuto anche l’altro ciclomotore. Dal sopralluogo eseguito, i due malviventi erano entrati nella depositeria tagliando la recinzione metallica. I due mezzi erano stati sequestrati amministrativamente ed affidati al titolare della depositeria.

Per i due ladruncoli, Giuseppe Baglione 27enne e Gaetano Basile 24enne, entrambi di Partinico, già noti alle forze dell’ordine, sono così scattate le manette con l’accusa di furto aggravato.

Su disposizione del magistrato i due malfattori sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida da eseguirsi oggi.

Rossana Nicolosi