Denuncia
 

Sicurezza in via Volturno, Zingale: "Palazzi cadono a pezzi"

Commenti

commenti

26 gen 2017 - 19:16

CATANIAMettere in sicurezza via Volturno. Questa la priorità del vice presidente della quarta circoscrizione di Catania, Giuseppe Zingale.

Balconi pericolanti, porte e finestre murate e immobili che cadono letteralmente a pezzi, strada quasi completamente transennata e con il nastro di pericolo “che non servono assolutamente a nulla e non garantiscono l’incolumità degli abitanti“. Queste sono le condizioni in cui versa via Volturno.

Senza alcun tipo di manutenzione e ristrutturazione, infatti, in tutta la zona si vive una situazione di estremo pericolo. Case che da anni il Comune ha deciso di mettere all’asta per venderle, purtroppo, finora, non hanno trovato un compratore.

La nostra richiesta allora è quella di rivalutare la zona per renderla più vivibile e sicura. Da qui la nostra idea di trasformare le catapecchie in centri di aggregazione per i giovani. Una soluzione che in via Volturno vorrebbe dire la fine di topi, zecche e cani randagi“.

Si tratta di un problema igienico sanitario causato anche dal continuo proliferare delle discariche abusive all’interno degli edifici. In alcuni sono state murate porte e finestre ma, per un edificio chiuso, tanti altri restano perfettamente accessibili a chiunque. Non solo, mattoni e cemento non possono bloccare i cattivi odori.

Serve quindi, avviare un tavolo tecnico per stabilire modalità e tempistiche degli interventi da eseguire sugli immobili abbandonati in via Volturno. Molti abitanti temono oggi che dagli edifici diroccati vengano ancora giù pezzi d’intonaco e calcinacci mettendo in pericolo l’incolumità dei passanti. Senza marciapiedi, e con le auto parcheggiate ai bordi della strada, i pedoni spesso sono costretti a camminare sotto i balconi malmessi - conclude il vice presidente Giuseppe Zingali - e i cornicioni pronti a venire ancora giù da un momento all’altro”.

Commenti

commenti

Roberta Rapisarda



Lascia un Commento