Eccellenze siciliane
 

Sicilia Convention Bureau, la sfida: si punta sui mercati emergenti

16 nov 2015 - 10:42

CATANIA - Dare un nuovo volto al turismo in Sicilia, creando nuovi target e ampliando gli orizzonti culturali: questa la sfida di Sicilia Convention Bureau.

Si è concluso il 14 Novembre l’Educational Tour organizzato da Sicilia Convention Bureau in collaborazione con Turkish Airlines. Quattro giorni per accompagnare 9 professionisti del settore del turismo e degli eventi provenienti da Baku (Azerbaijan) attraverso gli itinerari storico-culturali, naturalistici, enogastronomici della Sicilia Orientale.

Un viaggio esperenziale da Siracusa a Taormina, passando per Catania, per scoprire location da proporre alla clientela lusso azera per scegliere la Sicilia come prossima meta per turismo ed eventi. L’iniziativa ha coinvolto Turkish Airlines – che ha offerto il collegamento aereo Baku-Catania – e numerosi operatori della filiera turistica-congressuale siciliana coordinati da due agenzie siciliane partner del Convention Bureau – Ulisse Events e Trippuzzle – organizzatrici del fitto programma di attività proposte agli ospiti esteri, conclusosi nel nuovo spazio Norma presso l’Aeroporto di Catania grazie alla collaborazione di SAC.

Il “Sicilia, Nice To Meet You – East Coast Edition”, questo il nome dell’Educational, ha dato il via ad un’azione di promo-commercializzazione regionale rivolta a mercati estranei ai consueti target incoming siciliani, sfruttando l’operatività di nuovi collegamenti aerei che possono aprire le porte della Sicilia ad una domanda internazionale diversificata e curiosa di esplorare la destinazione per un turismo di qualità.

Visite guidate nel centro storico di Ortigia e Catania, passeggiate sui crateri dell’Etna, cooking class e degustazioni a bordo di uno yacht alla vista del vulcano attivo più alto d’Europa, shopping lungo il corso di Taormina dopo una visita al suggestivo Teatro Antico, wine-tasting, site-inspection in alcune tra le principali location per eventi e strutture alberghiere della costa jonica da Siracusa a Taormina, ed un networking intriso di sicilianità come filo rosso per un Tour che ha permesso l’incontro tra due culture diverse, e fino ad ora lontane, per interessanti opportunità di business future.

È stato interessante confrontarsi con abitudini e stili di vita diversi da quelli a noi tradizionalmente noti. Un’opportunità per far crescere la proposta turistica della Sicilia in sintonia con i desiderata di nuovi mercati e nuovi clienti – afferma Daniela Marino, Direttore Operativo SCB – “L’accoglienza siciliana deve aggiornarsi e adeguarsi a nuovi trend. Questo educational speriamo sia stato solo lo start-up di un insieme di iniziative che andranno sempre più in questa direzione. Il convention bureau sta lavorando per rendere la Sicilia sempre più riconosciuta a livello internazionale come meta turistica e per gli eventi”.

 L’Educational si è avvalso anche della media partnership della community siciliana degli Instagramers, attraverso i distretti di Catania, Messina e Siracusa, insieme a Citymap Sicilia. Dalla collaborazione tra le due realtà e Sicilia Convention Bureau è nato uno storytelling dell’evento su Instagram e Facebook. Al travel blogger Azer Garibov il “Best Shot Award” per il challenge fotografico – #SiciliaToMeet – indetto per l’occasione, premiato dalla startup siciliana Da Nord a Food, sponsor del photo challenge.

Puntare su un target diverso da quello che generalmente viene accolto in Sicilia, accogliendo persone che desiderano investire sull’Isola e che in questo scambio hanno la possibilità di crescere non solo economicamente ma, soprattutto, umanamente.

Il turismo congressuale può rappresentare una grandissima risorsa per la Sicilia, ampliando il mercato del lusso, dello shopping, della ricerca del bello e delle eccellenze del Made in Sicily. Una sfida spesso penalizzata  dalla carenza di infrastrutture, di servizi volti ad accogliere il turista facendolo sentire a casa anche se si trova dall’altra parte del mondo.

L’obiettivo, ambizioso, di Sicilia Convention Bureau è proprio questo: fidelizzare il visitatore, creando un rapporto profondo di amore per la nostra terra, nel confronto tra le diverse culture. 

Ma la Sicilia è anche il suo cibo, meravigliosamente rappresentato nel rinfresco che ha concluso l’incontro: la “cuoca vagabonda” Dadra, ha deliziato tutti con le sue creazioni semplici e delicate ma che lasciano il segno. Dadra, infatti, nei suoi piatti prelibati utilizza ingredienti di prima qualità, come la pasta fresca al pistacchio del Pastificio “Il Mattarello” o i prodotti enogastronomici tipici presentati da KiMi.

Un incontro di eccellenze per lasciare ai nove buyer in visita la voglia di ritornare.

 

Viviana Mannoia