Emergenza
 

Sbarcati 481 migranti a Pozzallo, quattro scafisti tra i passeggeri

28 gen 2016 - 11:25

POZZALLO - È tornato da pochi giorni il bel tempo con temperature più miti ed ecco che riprendono anche gli sbarchi verso le nostre coste.

Sono arrivati ieri al porto di Pozzallo 481 migranti tratti in salvo al largo delle coste libiche dalla nave Comandante Bettica della marina militare nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro. 

Secondo quanto emerso delle indagini, effettuate dagli uomini della squadra mobile con il supporto dei carabinieri e della guardia di finanza, i migranti erano distribuiti su quattro gommoni in condizioni fatiscenti. 

Già nella giornata di ieri, dopo diversi interrogatori, sono stati individuati e fermati i senegalesi Maghet Ghice di 23 anni e  Lamine Dialy Sarr di 24, insieme ai ventunenni Iaia Dafe, della Guinea, e Christian Agbor della Nigeria con l’accusa di essere gli scafisti.

I quattro ragazzi erano stati arruolati tra i passeggeri proprio poco prima della partenza, cogliendo al volo l’opportunità di guadagnare poche centinaia di euro. 

Il modus operandi degli scafisti è quasi sempre lo stesso: una volta salpati dalla 
Libia e giunti in acque internazionali i conducenti dei gommoni chiamano i soccorsi segnalando la loro posizione alle autorità per farsi soccorrere. Ogni passeggero, inoltre, aveva già pagato 1000 dollari per il proprio biglietto, facendo guadagnare così ai trafficanti quasi mezzo milione di dollari. 

Ci fanno stringere, ci picchiano se non facciamo posto agli altri e se ci lamentiamo usano grossi bastoni per farci sistemare come dicono loro, anche se lo spazio era già finito“, questo è quanto dichiarato da uno dei migranti tratti in salvo. 

Una volta concluse le operazioni di soccorso, alle quali hanno partecipato anche i volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa, insieme ai militari dell‘esercito e ai medici dell’A.S.P. che si sono occupati delle prime cure mediche, i 481 migranti sono stati ospitati al C.P.S.A. di Pozzallo.

 

Francesca Guglielmino