L'ultras
 

Sangue rossazzurro, tifo sfrenato: Ciccio Famoso, ora vinci la battaglia più grande

9 gen 2017 - 08:57

CATANIA – Partiamo dallo scorso 22 dicembre, uno degli ultimi giovedì del 2016: il Catania perdeva malamente a Castellammare di Stabia per 4-0. A nulla è servito il supporto dei tifosi rossazzurri giunti fino in Campania.

Oggi ci occupiamo proprio di loro, dei sostenitori etnei: partiamo da quel giovedì perché un paio d’ore dopo la fine della partita giunse la notizia che Ciccio Famoso, storico ultras fondatore della “Falange d’Assalto“, aveva aggravato le sue condizioni di salute a causa di una malattia contro cui combatte, tutt’oggi, da diverso tempo e 50 tifosi etnei rinunciavano alla trasferta di Castellammare in segno di solidarietà.

Chi è realmente quest’uomo? Noi abbiamo cercato di capirlo, di leggere un po’ tra le righe sui social e ci fa piacere condividere alcuni dei tantissimi messaggi che Famoso ha avuto sul suo profilo Facebook e nella pagina dedicata al tifo rossazzurro “La domenica allo stadio”, sicuramente una delle più vicine allo storico capo ultras del Catania:

Dai Ciccio tutta l’Italia ultras é con te e ti rispetta! Voglio risentire la tua voce unica che dice…tutta la curva…Non mollare anima del tifo catanese” (T. Di Stefano)

“Mi ricordo quando scoppiò una rissa all’interno della nord nello spareggio play-off d’andata contro il Taranto, tu arrivasti e con una parola tutto finì, prendesti il megafono e facesti partire un coro contro i tarantini, ecco chi è Ciccio falange…adesso vinci questa battaglia perché Catania, la tua Catania ha bisogno di te!” (D. Maugeri)

“Daiiii ciccio vincemu stu derby ca è chiu importante di tutti” (S. Spampinato)

“Ciccio, mi ricordo ancora quando di fronte il castello ursino mi regalasti la t-shirt con la scritta Falange D’assalto. Non mollare Ciccio!” (D. Leone)

“Sei sempre stato esempio di lealtà, valore e fratellanza, la vita vale la pena di essere vissuta solo per conoscere persone dal cuore grande come te. [...] Ti aspettiamo tutti al tuo posto, devi tornare a fare battere i nostri cuori con i tuoi cori. Dai c***o, tornerai più forte di prima. Anche io ti amo Francesco Ciccio Famoso, torna a caricare!” (D. O. Russo)

“Ciccio Famoso È UN GRANDE UOMO, CON IL CUORE PIÙ GRANDE DEL MONDO! Quindi anche se già ti ho detto quanto sei grande, io voglio dirti ancora GRAZIE per tutti i sorrisi pieni di calore e amore che con gran fatica mi hai regalato nelle ultime settimane. Mi hai riaperto il cuore. Io ti aspetto” (E. Biondi)

“Quando parti, in un qualsiasi altro luogo d’Italia ti rechi e nomini Catania…ti vengono subito elencate 4 cose: L’Etna, S.Agata, l’elefante…e Ciccio da Falange! Ecco perché sei storia…e la storia resta storia e le chiacchiere restano chiacchiere…ed è per questo che tu non puoi mollare!!! FORZA CAPO ” (D. Giuffrida)

Lo ribadiamo, sono soltanto alcuni delle centinaia di messaggi d’affetto per Ciccio Famoso: noi abbiamo compreso che è sempre stato un instancabile tifoso, pieno di passione per il Catania e soprattutto per gli ultras. Una persona disponibilissima, amichevole e scherzosa con tutti: sostenitore esemplare. Agli inizi degli anni ’70 la sua idea diede qualcosa di nuovo alla tifoseria catanese: la “Falange d’Assalto” si collocò nella Nord in pianta stabile, non facendo mai mancare il suo supporto. Un ultras vero non può non ricordarsi di lui: questo, è ciò che si è capito più di ogni altra cosa, oltre ovviamente al bene e all’amicizia che lo legava a tantissimi tifosi.

Proprio a questo ci allacciamo per venire a capo di una splendida iniziativa da parte di tante tifoserie sparse in Sicilia ed in Italia: infatti, anche gruppi ultras rivali come il Siracusa hanno voluto mostrare la loro vicinanza con uno striscione dedicato a Famoso. Così come hanno fatto Trapani, Genoa e Benevento, da sempre gemellate al Catania. Stessa storia anche per i supporters della Sicula Leonzio: uno striscione con scritto “Ciccio non mollare!” per stare vicino al capo ultras. Alcuni sono stati creati anche con un’applicazione per smartphone.

E tra capi ultras, magari, ci si conosce benissimo, specie se si è rivali: per questa ragione, quello del Palermo ha messo da parte tutto ed è venuto a trovarlo in ospedale. Un segno di rispetto, senz’altro, ma anche un gesto di buon cuore che tutta la tifoseria catanese ha apprezzato.

Come del resto ha sempre amato e visto in Ciccio Famoso, o “Ciccio Falange“, scegliete voi, un modello da seguire sia come persona che come uomo: proprio in questo difficile momento è giusto mostrare sostegno e caloroso affetto per un tifoso storico, mai tiratosi indietro di fronte a nulla: il Catania al primo posto.

Chiudiamo questo articolo celebrativo con un video che ritrae i tifosi della Nord cantare per la squadra rossazzurra e per lui con la bandiera della Falange sventolare in alto, nella speranza che su quelli che una volta venivano chiamati gradoni, Ciccio Famoso ci possa stare ancora: in piedi, ovviamente. A tifare, sempre.

Gabriele Paratore



  • Antonino Zinna

    Mai fatto parte della falange ma ti ho conosciuto personalmente…
    Forza Ciccio, senza di te il Catania non è nessuno.