Degrado
 

San Giovanni Galermo, emergenza discariche e incendi. LE FOTO

Commenti

commenti

13 lug 2017 - 10:10

CATANIA - Purtroppo l’emergenza discariche e incendi a San Giovanni Galermo è arrivata al punto di non ritorno. Qualche giorno fa è avvenuto un incendio in via Stefano Vitale nei pressi della batteria dei cassonetti, “sono tanti i motivi per i quali devono essere immediatamente spostati, tra questi la vicinanza della scuola, in un contesto pieno di sterpaglie e sudiciume, che portano parassiti e topi, nocivi alla salute dei bambini, per non parlare poi dei cani randagi, che si aggirano li intorno”.

A denunciare il degrado è il consigliere Francesco Nauta che spiega come “di questi cassonetti, ne usufruiscono, abusivamente, anche abitanti dei paesi etnei che non vogliono fare la differenziata, obbligatoria nei loro comuni, e che incrementano con i loro rifiuti, la ormai, discarica”.

“Pertanto, – continua il consigliere – bisogna spostare i cassonetti lontano dai luoghi abitati, avere una maggiore cura per le zone dove ci sono le scuole, questo vale anche per via Kolbe, nelle vicinanze dell’altra scuola. Purtroppo, non è solo la via vitale ad essere soggetta a discarica, ma ci sono alcuni siti sensibili, come via Macello, via Allegria, via del Fasano, via della Sfinge, via Badia che proprio oggi era in fiamme ,perché hanno preso fuoco i cassonetti, qualche settimana fa altro incendio presso i cassonetti di largo la madonnina e altre zone che sono a rischio emergenza sanitaria, per non parlare del rischio di incendi”.

“Ho più volte segnalato il problema alle autorità competenti, ma l’amministrazione non interviene. Ho suggerito alcune proposte ,come ad esempio, la presenza di telecamere, oppure il controllo serrato della polizia ambientale, ma ad oggi, nessuno di questi interventi è stato effettuato. Non possiamo fare finta che il problema non esista – conclude il consigliere Nauta – l’amministrazione, si deve fare carico di risolvere nel più breve tempo possibile questo grave problema, che peggiora ogni giorno di più”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia