La proposta
 

"Riqualifichiamo Villa Pacini": la raccolta firme delle mamme catanesi

2 feb 2016 - 13:40

CATANIA - L’area giochi di Villa Pacini è uno spazio per i più piccoli dove poter giocare in sicurezza o, almeno, così era. 

Tra bottiglie rotte, deiezioni di cani e umani, cartacce, ubriachi che insultano i passanti e un’insopportabile odore di urina che invade  prepotentemente tutto, Villa Pacini, la “villa varagghi” dei catanesi, è diventata invivibile:  portereste i vostri bimbi a giocare lì?

Un gruppo di mamme ha deciso di dire basta e che è ora di riprendersi gli spazi per i propri figli: è iniziata così una raccolta firme per chiedere un intervento diretto e tempestivo all’amministrazione comunale per ripristinare l’area giochi e bonificare l’intera villa.

Villa Pacini è uno dei due giardini più antichi della città e uno dei quattro parchi principali di Catania.

Posta sotto gli archi della Marina, sul cui viadotto passa il binario della ferrovia, nei pressi del porto, subito fuori l’antica porta della città, porta Uzeda, vicino il mercato storico della “Pescheria“, Villa Pacini, dovrebbe dare il benvenuto  ai tanti turisti che ogni giungono a Catania.

In realtà dà un’immagine molto triste della città.

La grande area destinata ai più piccoli era un fiore all’occhiello per la comunità: un grande castello dove arrampicarsi in sicurezza e giocare, scivoli e anche un‘altalena per disabili.

Oggi, sia a causa dell’assente manutenzione sia a causa dell’inciviltà delle persone, questo spazio è completamente distrutto. Del castello non vi è più traccia, demolito perché pericoloso, gli scivoli divelti così come le altalene. Di quella per i bimbi disabili non resta che l’impalcatura dopo il passaggio violento di un gruppo di vandali.

Le mamme chiedono di poter far giocare in sicurezza i propri figli ma una riqualificazione dell’area porterebbe tanti vantaggi anche a tutta la città.

Viviana Mannoia