Riqualificazione
 

"Rilanciare parchi e strutture pubbliche a Catania", la richiesta del presidente Parisi. LE FOTO

Commenti

commenti

15 giu 2017 - 08:46

CATANIA - Quando le buone idee si trasformano in progetti concreti a guadagnarci è l’intera città con il suo arredo urbano e gli spazi verdi valorizzati, al sicuro da vandali e ladri.

“Iniziative come quella del “Liotru Adventure Park”, all’interno del Boschetto della Plaia, devono diventare un modello consolidato di operatività - afferma il presidente della commissione al Bilancio Vincenzo Parisi -, la riqualificazione di questo polmone verde è un progetto già redatto in passato di cui, però, non si trovavano le risorse necessarie. La collaborazione tra pubblico e privato, quindi, può servire a soddisfare i fabbisogni della collettività”.

Nessuna finanziaria o richiesta alla Cassa Depositi e Presiti ma denaro privato, attraverso bando pubblico, per restituire dopo anni decine di parchi o piazze alla città. “Rivolgersi al solo senso civico della gente non basta perché molti punti di aggregazione e socializzazione, appena cala il buio, diventano territorio esclusivo dei teppisti che rubano, distruggono e danneggiano l’arredo urbano. Il mattino seguente – prosegue Parisi - alle famiglie non resta altro da fare se non la conta dei danni e al comune di porre rimedio ai raid vandalici”.

Fenomeni che “da Librino fino al Tondicello della Plaia passando per Picanello, Zia Lisa, San Leone, Monte Po si ripetono di continuo e costano alle casse comunali centinaia di migliaia di euro ogni anno”.

“Ecco perché – conclude Parisi - il “project financing” può mettere in moto quella collaborazione tra comune e privati che ha già dato risultati importanti al Boschetto della Plaia. Si tratta di una formula che andrebbe estesa al parco Gioeni, al parco Gemmellaro, al parco degli Ulivi, al parco Fenoglietti oltre che alle piccole realtà, come piazze e slarghi, nei vari quartieri cittadini. Solo in questo modo si potrebbe garantire la piena fruibilità delle strutture alla gente e senza grandi oneri all’amministrazione comunale”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia