Pittura
 

Ragusa, continua il successo della mostra "Dietro il segno"

11 nov 2015 - 19:06

RAGUSA - Continua ad essere visitabile la mostra inaugurata ad ottobre, “Dietro il segno” che, grazie all’ampliamento degli orari dello storico Palazzo Zacco, consentirà aperture speciali nell’intera giornata di sabato. 

La mostra, visitabile sino al prossimo 28 novembre, promossa dall’associazione nazionale “Incisori Contemporanei”, presieduta da Antonio Luciano Rossetto, è stata curata dal critico Andrea Guastella e dall’artista incisore Sandro Bracchitta.

Sedici artisti italiani espongono le loro opere presentandone in totale 32. Le tecniche che ciascuno ha utilizzato vanno da quelle più usuali come l’acquaforte, l’acquatinta, la puntasecca, il bulino, fino a soluzioni sperimentali. L’iniziativa gode della sponsorizzazione della Banca Agricola Popolare di Ragusa e del patrocinio gratuito del Comune di Ragusa.

La sede museale è adesso fruibile da martedì a venerdì dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 19, il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, mentre resterà chiusa lunedì, domenica e festivi. Ciò permette di ampliare la fruizione della mostra che ha già suscitato l’interesse di un ampio pubblico composto da molti addetti al settore, critici, collezionisti ma anche semplici cittadini che hanno voluto visitare la particolare esposizione.

Gli artisti espositori sono: Debora Antonello, Tiziano Bellomi, Gianna Bentivenga, Sandro Bracchitta, Paolo Ciampini, Graziella Da Gioz, Elisabetta Diamanti, Giancarla Frare, Vincenzo Gatti, Francesco Geronazzo, Mario Guadagnino, Erico Kito, Stefano Luciano, Bonizza Modolo, Elena Monaco e Antonino Triolo.

Il critico Andrea Guastella, ha così spiegato: “Come ho già avuto modo di dire recentemente, Palazzo Zacco si riconferma luogo che ormai fa parte del circuito dell’arte anche con attività ed eventi di respiro nazionale proprio come nel caso della mostra ‘Dietro il segno’. I migliori orari di fruizione permettono di incrementare le visite alla mostra che sta suscitando grande interesse e l’attenzione anche di un pubblico giovane che si sta appassionando a questa forma d’arte complessa e straordinaria al tempo stesso. Dunque agli orari consueti si aggiunge anche il sabato con la possibilità di fruire della mostra sia di mattina che di sera”.

 

 

Rossana Nicolosi