Iniziativa
 

Proposta di intervento per migliorare la viabilità nella zona di Viale Sanzio

24 nov 2016 - 18:06

CATANIA – La strada che unisce via Vincenzo Giuffrida con piazza Michelangelo è stata al centro della seduta itinerante organizzata dalla commissione comunale alla Viabilità. Il presidente della Commissione Viabilità, Carmelo Sofia, ha ascoltato le segnalazioni dei residenti, dei commercianti e sopratutto degli studenti che frequentano l’istituto “Lombardo Radice”, un incontro che ha permesso di riscontrare grosse criticità nella zona. Si comincia dal traffico, dal parcheggio selvaggio e dagli indisciplinati che non rispettano i pedoni; nemmeno quando attraversano la strada sulle strisce pedonali e con il semaforo verde.

Il consigliere Giuseppe Catalano, nel suo intervento, ha sottolineato “l’importanza di venire incontro alle esigenze di alunni e genitori dell’istituto che, ogni giorno, parcheggiano nel piazzale e nelle strade vicine la propria auto e devono pagare la sosta. Una situazione che si ripete almeno due volte al giorno e che provoca tante proteste. In questo contesto - continua Catalano – è fondamentale trovare una soluzione che possa accontentare tutti magari studiando degli abbonamenti specifici oppure delle tariffe adatte agli alunni e ai loro genitori che li aspettano davanti alla scuola per pochi minuti”

“Bisogna stabilire idee e progetti che procedano di pari passo con la necessità di ottenere maggiore vivibilità nell’intero quartiere - aggiunge il consigliere comunale Francesco Saglimbene - le due e quattro ruote che transitano sul viale Sanzio e nelle arterie attigue sono centinaia a fronte di appena poche decine di stalli a disposizione. Il risultato è la quasi totale anarchia, nelle ore di punta, quando non vengono rispettati nemmeno i segnali stradali”.

“Una maggiore presenza delle forze dell’ordine-  continua Vincenzo Parisi, componente della commissione consiliare alla Viabilità – potrebbe servire a scoraggiare tutti quei comportamenti incivili che qui rappresentano la norma. Pattuglie per ottenere la sicurezza pure per i ragazzi e gli anziani che frequentano il vicino parco Falcone. Sul parcheggio, invece, bisogna sfruttare meglio le tante strade limitrofe che, a pochi metri dal viale o dal piazzale, restano vuote. Bisogna creare stalli specifici, magari attraverso una convenzione con ‘Sostare’, per gli studenti del Lombardo Radice”.

Redazione NewSicilia