Controlli
 

Prevenzione dei reati ambientali e salute pubblica: gli interventi della Questura di Catania

27 ott 2016 - 13:14

CATANIA - Nella giornata di ieri, in ottemperanza alle direttive emanate dal Questore di Catania Marcello Cardona, il personale del Commissariato Borgo Ognina ha effettuato controlli mirati alla prevenzione dei reati ambientali e contro la salute pubblica.

Nel quartiere Picanello, in via Incardona, è stata accertata la presenza di un locale adibito ad attività commerciale abusiva il cui titolare, che non ha dimostrato il regolare smaltimento dei gas presenti negli elettrodomestici detenuti per la riparazione e nelle numerose bombole trovate all’interno del negozio, è stato indagato in stato di libertà per il reato ambientale di cui all’art. 256 decreto legislativo 152/06 (gestione illecita di rifiuti).

Attesa la specificità del servizio, è stato richiesto l’intervento della Polizia Provinciale unitamente alla quale, nella mattinata odierna, si è proceduto al sequestro del materiale nocivo, mentre personale del Reparto Annona dei Vigili Urbani ha contestato le relative sanzioni amministrative.

Inoltre, è stata controllata la casa famiglia per anziani Sant’Antonio di via Etnea.

Al momento del controllo vi erano 7 alloggiati anziani, un solo dipendente Osa e un’altra persona, estranea alla struttura, sorpresa a fumare all’interno dei locali, nonostante il divieto di fumo. Per tale motivo la responsabile è stata sanzionata.

La struttura, tuttavia, è stata trovata in buone condizioni igienico sanitarie.

Ancora un furto, infine, di energia elettrica: questa volta riscontrato in via Arduino, per il quale è stata denunciata una persona che si era allacciata abusivamente alla rete Enel.

Redazione NewSicilia