Rassegna
 

Percorsi Sonori: le note e gli “sguardi” del Trio Kàllima al Castello Normanno

Percorsi Sonori: le note e gli “sguardi” del Trio Kàllima al Castello Normanno

Commenti

commenti

29 dic 2016 - 19:18

ADRANO - Buona la prima. E anche la seconda.

Il secondo appuntamento della rassegna musicale “Percorsi Sonori” ha soddisfatto le aspettative degli abbonati, accorsi anche questa volta ad uno degli eventi più esclusivi dell’inverno adranita e non solo.

Ad incantare il pubblico, nella cornice del Castello Normanno, è stato il Trio Kàllima.

Il Trio Kàllima è un gruppo cameristico di recente formazione, composto da Rosario Salvatore Licitra (violino), Donata Malpasso (clarinetto) e Davide Castellana (pianoforte), tutti e tre giovani musicisti catanesi diplomati all’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania.

Il Trio si è formato nel dicembre 2014 e conta già all’attivo diversi concerti, tra i quali il Collegio Universitario d’Aragona a Catania, il Teatro Donnafugata a Ragusa Ibla, il Teatro A. Musco a Gravina di Catania, il Seminario Arcivescovile dei Chierici di Catania. Inoltre, è vincitore di primi premi in occasione dei Concorsi nazionali ed internazionali: 1° Selezione Giovani Talenti, Gravina di Catania 28-30 maggio 2015; 4° Concorso Musicale Internazionale “Lucio Stefano D’Agata”, Acireale, 25-31 maggio 2015; Concorso Musicale Internazionale Premio “Giuseppe Ierna per giovani talenti” 8° edizione, Floridia, Maggio 2015.

Il repertorio del Trio Kàllima è composto principalmente da brani moderni, che, sfruttando le potenzialità timbriche e tecniche degli strumenti, hanno fatto sì che questa formazione venisse apprezzata non solo da autori di musica “colta”, ma anche da quelli di musica jazz e popolare.

L’atmosfera è incantevole, tra le ombre degli strumenti che si animano sulle pareti fortificate e la musica che si disperde tra gli anfratti e le feritoie del castello. Il talento risuona in tutti gli ambienti in un gioco di sguardi che è l’ingrediente segreto di un’esecuzione perfetta.

Complicità, empatia. Il Trio Kàllima è soprattutto empatia, contatto visivo, espressione fisica oltre che tecnica. Violino, piano e clarinetto danzano insieme in perfetta sincronia davanti agli occhi attenti del pubblico in sala.

Soddisfatto il direttore del Museo Regionale, Nello Caruso, che insieme all’associazione culturale La Locomotiva – organizzatore dell’evento – ha reso possibile l’ottima riuscita della rassegna.

“La sinergia di intenti tra pubblico e privato non può che essere un punto di forza per l’intera comunità – ha commentato Nello Caruso -. Sono estremamente soddisfatto di questo secondo appuntamento e lo sono ancor di più se penso che il Castello Normanno di Adrano è, oggi più che mai, un grande contenitore di idee che hanno solo bisogno di prendere forma. I ragazzi de La Locomotiva hanno dato forma a un’idea culturale di altissimo livello realizzando quello che ogni amministratore e ogni cittadino deve auspicare per la propria città”.

Numeroso il pubblico che non ha perso l’occasione di scoprire la storia del castello e di fare un viaggio tra antiche dominazioni e lasciti archeologici che testimoniano il passaggio di antiche civiltà.

Mariangela Librizzi de La Locomotiva ha spiegato, tra le altre cose, il significato dei “mascheroni” che “custodiscono” l’intera fortezza.

A concludere la rassegna saranno i Four to Four Ensemble che chiuderanno il ciclo di appuntamenti con con l’esibizione di domani sera 30 dicembre nei due turni delle 18.00 e delle 20.30.

NewSicilia, media partner della rassegna, seguirà le fasi dell’evento conclusivo con foto, video e interviste direttamente dal luogo dell’evento. Vi aspettiamo.

Foto: Davide Santangelo

Commenti

commenti

Marco Bua



Lascia un Commento