Evento
 

Palermo, a Piazza Magione arrivano giocolieri, acrobati, musicisti e ballerini

12 set 2016 - 18:44

PALERMO - Dopo il fortunato ciclo di serate dello scorso anno tornano in piazza Magione musicisti, acrobati, giocolieri, ballerini, real fantasy player e numerosi altri artisti. Dopo il ciclo di appuntamenti settimanali della scorsa estate, i ragazzi del Festone alla Magione ripropongono per il 16 settembre un appuntamento unico e che chiuderà l’estate della città.

Il Festone alla Magione è un evento artistico/aggregativo promosso tramite social network, indipendente e gratuito ma anche partecipato perché la riuscita di questa serata dipenderà dall’intervento attivo dei presenti e dalle esibizioni spontanee dei molti artisti invitati.

“Come sempre – dicono gli organizzatori Antonino Vincenzo Bruno e Sebastiano Migliore che, a titolo di volontariato, organizzano gli appuntamenti nella piazza del quartiere Kalsa – vogliamo dar vita ad un evento dove la magia dello spettacolo e la piacevolezza di bere qualcosa nella stessa piazza si fondono. Dove il confine tra spettatore ed artista è evanescente e tutti possono praticare la propria disciplina artistica e/o prendere parte ad un grande spettacolo centrale: sempre unico, vario ed emozionante!”.

Come lo scorso anno, Festone alla Magione si apre a un pubblico eterogeneo: palermitani di qualsiasi età, famiglie, bambini, studenti Erasmus, studenti fuori sede, turisti e stranieri. “Gente dai nove mesi ai novant’anni – continuano gli organizzatori – che si incontrano parlando lingue differenti”

Alla base del progetto vi è anche un diverso modo di vivere lo spazio pubblico e la movida palermitana.

Porteremo tutti mille luci e mille candele per rendere magica la piazza in una serata in cui potremo sentirla veramente nostra: liberi di trasformarla, di renderla più accogliente e a misura di cittadino (puliremo tutto a chiusura lasciando il prato immacolato)”, precisano i ragazzi. 

All’appuntamento non mancheranno amanti della giocoleria, dalla musica live improvvisata, e poi esposizioni temporanee e di ogni tipo di arte. 

Rossana Nicolosi