Novità
 

A Palermo nasce ACSI Mare

5 feb 2016 - 16:43

PALERMO – A gennaio, all’interno dell’ACSI Matteotti a.s.d. di Palermo, è stato costituito il gruppo denominato ACSI Mare che si propone di promuovere la cultura delle attività sportive legate al mare e di diffondere il rispetto per le nostre spiagge e fondali marittimi con un’attenzione particolare alle immersioni e alla fotografia subacquea.

Il gruppo – dice Giovanni Ombrello, coordinatore di ACSI Mare – nasce dal desiderio di affrontare in maniera più organizzata delle attività che da anni sia io che gli altri soci svolgiamo già in maniera più o meno indipendente. Il primo elemento di aggregazione è la passione per la fotografia subacquea e abbiamo pensato di prepararci e presentarci assieme per le prossime gare di Fotografia Subacquea e Safari Fotografico Subacqueo della FIPSAS. Ma il nostro amore per il mare ha tante sfumature e nello spirito dell’ACSI desideriamo coinvolgere gli appassionati in tutte quelle attività inerenti alla salvaguardia dell’ambiente e del mare. Oltre alle attività subacquee stiamo già organizzando incontri per parlare di cinema, fotografia e biologia e pensiamo a mostre, escursioni, vela e tanto altro”.

Giovanni Ombrello, fotografo e istruttore sub esperto, ha alle spalle anche la ventennale esperienza di un campo estivo sull’isola di Linosa che oggi gestisce assieme agli altri membri del direttivo della sezione Palermofoto dell’ACSI Matteotti, incentrato sull’emozione di vivere a contatto con la natura in modo non contemplativo e astratto, bensì pratico e dinamico attraverso l’esercizio di attività sportive naturalistiche, artistiche e didattiche.

La novità – ci dice Dario Panzica, tra i primi ad aderire al gruppo – è che ACSI Mare intende fare da punto di incontro costante per non disperdere e anzi valorizzare le tante competenze che la Sicilia ha storicamente espresso e che ci vede ancora tra le eccellenze nello scenario nazionale ed internazionale. Palermo difetta un po’ della capacità di mantenere nel tempo e sviluppare progetti che invece hanno un’ottima valenza. La città ha dato vita a tante iniziative interessanti anche sui temi a cui ACSI Mare è interessata ma in qualche modo, forse per individualismi o per finalità un po’ più utilitaristiche, hanno spesso finito col dissolversi. Nelle nostre intenzioni, il gruppo avrà anche la missione di coinvolgere altre associazioni, interagendo con professionisti, manifestazioni e con il tessuto produttivo del territorio in modo da diffondere efficacemente i valori a cui ci ispiriamo e consentire ai tanti appassionati di avere un punto di riferimento per godere appieno della bellezza dei nostri mari nel massimo rispetto della natura”.

A fine gennaio, per il primo incontro del gruppo, ACSI Mare ha organizzato, presso i locali di Palermofoto ACSI Matteotti, in via Torquato Tasso 4 a Palermo, la proiezione di “Colapesce” una multivisione firmata da Gaetano Anzalone, pluripremiato fotografo subacqueo e da Gaia Trapani, che ha curato regia e montaggio. Il video, prodotto dall’Area Marina Protetta Isole Egadi e patrocinata dal Comune di Favignana, ambienta la leggenda siciliana di Colapesce nell’arcipelago Egadino ed è basato sulle foto di Gaetano Anzalone e di Franco Caronia amalgamate ed impreziosite dalle illustrazioni ad acquerello di Lycia Trapani.

Per febbraio, è invece previsto un ciclo di incontri con la biologa marina Manuela Falautano per parlare, tra l’altro, della tropicalizzazione delle acque del mediterraneo e di come questo fenomeno stia incidendo sulla presenza di specie una volta estranee al nostro mare e della loro interazione con la flora e la fauna autoctone.

Sempre a febbraio, nella seconda metà del mese, il gruppo ospiterà gli esploratori del progetto “Ombre dal Fondo” che proietteranno filmati e fotografie per far conoscere la loro attività di ricerca di siti archeologici nei fondali marini, in particolare quelli a profondità superiori ai 50 metri raggiungibili grazie all’utilizzo di rebreather.

Davide Bologna

Redazione NewSicilia