Istruzione
 

Musical, spettacoli, teatro: la "Lunga notte del liceo Amari"

Comments

comments

18 gen 2017 - 22:12

GIARRE - La cultura classica come patrimonio da difendere per l’alto valore formativo. Questa la sintesi di una notte vissuta tra canti, balli, musical, poesie, letture e recitazioni per gli studenti del liceo classico “Michele Amari” di Giarre, impegnati come altri loro coetanei di 400 licei d’Italia, nella terza edizione della“ Notte dei licei”. L’evento, patrocinato dal Miur, dalla Repubblica Ellenica – Grecia in Italia da AICC (Associazione Italiana Cultura Classica) e dalla rete licei classici italiani, nasce per promuovere e valorizzare gli studi umanistici.

In una notte lunga, lo storico Liceo Amari di Giarre, da sempre punto di riferimento di tutto il territorio ionico, ha aperto le sue porte per vivere insieme un evento che ha coinvolto gli studenti, i docenti e tutto il personale della scuola, in un programma ricco di iniziative.

Un viaggio ideale nel mondo dei classici greci e latini, attraverso la lettura stasimo di Antigone e quella del Lamento di Danae di Simonide, per proseguire con altri momenti dedicati alla valorizzazione degli studi svolti.

Entusiasmo palpabile sui volti dei ragazzi che hanno dato vita ad una notte gioiosa e speciale per l’impegno che li ha visti lavorare fianco a fianco con i docenti e dare corpo ad uno spettacolo artistico apprezzato ed applaudito dai presenti. Tanta alla fine la soddisfazione di vedere ogni momento vissuto con successo.

Le aule dell’Amari si sono trasformate in laboratori, con esposizione dei lavori sulle pareti, mentre in altre gli studenti, in abiti del tempo, hanno offerto i cibi e le pietanze preparate seguendo le ricette degli antichi greci.

Il lavoro lungo e minuzioso ha coinvolto i docenti e i ragazzi, che hanno potuto esprimere tutto il loro talento anche in performance artistiche di ballo, danza e recitazione.

Presente anche il cantastorie Luigi Di Pino, che ha seguito e accompagnato i ragazzi nella rappresentazione di “Colapesce”, che racconta il sacrificio eroico di pochi uomini: “La terra di Sicilia, madre di carnefici e di vittime, partorisce ancora oggi come allora, uomini onesti eroici che si sacrificano in nome della dignità, della giustizia e della libertà”.

Un messaggio chiaro volto a confermare come il liceo classico sia sempre la prima istituzione scolastica per l’alto valore formativo che da sempre riveste in Italia.

La notte del liceo quest’anno è coincisa, inoltre, con uno speciale anniversario: i 130 anni dell’istituto che ha dato i natali a tanti illustri giarresi. L’evento sarà celebrato con un programma che vede l’Amari coinvolto in numerose iniziative in collaborazione con le istituzioni cittadine.

Per il dirigente scolastico Giovanni Lutri una grande soddisfazione che attende un altro momento significativo per l’istituto che ambisce di diritto ad essere inserito nell’elenco dei licei storici d’Italia.

Presente all’evento anche il sindaco di Giarre Angelo D’Anna e il senatore Pippo Pagano.

Durante la manifestazione sono stati premiati gli alunni vincitori del concorso “Osservo e scrivo”, riservato agli studenti delle scuole secondarie di primo grado del territorio.

Il grazie di tutti è andato ai professori, al personale non docente, a quello amministrativo, agli assistenti tecnici e a tutti i collaboratori dell’Istituto.

Docenti: Sandra La Ferrera, Rosaria Grasso, Grazia Carota, M. Grazia Pappalardo. Rosanna Greco, Giuseppa Cardillo, Antonella Di Salvo, Rosaria Biasi, Rosario Musumeci, Daniela Aquino, Michele Alia, Concita Caminiti. Personale non docente: Lina Longhitano, Angelo Mercia, Domenica Nocera, Mario Puglisi, Salvatore Costa Mirabella.

Comments

comments

Erika Pinieri



Lascia un Commento