Denuncia
 

Misterbianco: primo giorno di scuola tra sporcizia, topi e degrado

14 set 2016 - 10:27

MISTERBIANCO - Sporcizia, degrado e topi. È questo lo scenario che si sono trovati di fronte i genitori degli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale “Don Lorenzo Milani” di Misterbianco. Un primo giorno di scuola da incubo che ha allarmato bambini e adulti. 

Giusi Letizia Percipallepresidente del comitato cittadino “La voce di Misterbianco“, alza la voce contro l’incuria che imperversa nell’istituto e denuncia: “I bambini entrano nella sporcizia tra topi, gechi, degrado. Alla riapertura delle scuole, sarebbe stato buon senso e dovere delle istituzioni disinfettare i locali, attezionarli, pulirli, perché in quelle strutture i nostri figli trascorrono gran parte della loro vita“. 

Le immagini parlano chiaro. “È una vergogna ciò che i cittadini stanno vedendo. Ci costringono nel degrado, mentre si da priorità ad orologi e paletti. Uno spreco di denaro pubblico che potrebbe essere concentrato in servizi più urgenti, fondamentali per la tutela della salute dei cittadini“. Queste le parole di Percipalle che non esita a puntare il dito contro l’amministrazione comunale: “Un sindaco è il responsabile principale della condizione di salute della popolazione del suo territori, deve conoscere lo stato di salute della popolazione, deve prendere provvedimenti se le condizioni ambientali sono invivibili, se esistono pericoli incombenti e deve informare la popolazione dei rischi rilevanti cui è sottoposta“. 

Conclude la presidente del comitato cittadino “La voce di Misterbianco”: “Una amministrazione attenta dovrebbe partire dal diritto alla salute e porre la casa, la scuola, i trasporti, la salubrità ambientale, la cultura, la sanità pubblica, l’assistenza sociale come indispensabili premesse per dare salute. Non possono essere delle opzioni ma un diritto legittimo e quindi occorre identificare le cause che portano alla mancanza di quei requisiti, costruendo un piano di prevenzione per eliminarle“.

Aurora Circià