Evento
 

Librino, grande festa all'oratorio "Giovanni Paolo II": oltre 500 partecipanti

3 nov 2016 - 18:39

CATANIA - Festa doveva essere e festa è stata. Un intero quartiere che, attraverso le sue associazioni e le sue istituzioni, si stringe intorno all’oratorio “Giovanni Paolo II” di Librino per celebrare il momento della condivisione con i bambini della catechesi delle parrocchie “Maria Ausiliatrice” e “San Domenico Savio”, insieme con i coetanei dell’oratorio.

L’obiettivo è quello di far conoscere ai ragazzi e ai loro genitori la presenza di queste due grandi realtà nel quartiere per la crescita umana e spirituale dei loro figli. Parrocchia e Oratorio, casa che accoglie e dove ci si sente in famiglia e si sta bene, dove i ragazzi possono crescere nella gioia e diventare, come diceva San Giovanni Bosco, “buoni cristiani e onesti cittadini”.

Come ogni anno si è creata una festa che ha coinvolto centinaia di bambini: un evento per dare loro la possibilità di giocare e divertirsi. Oltre 500 partecipanti tra catechisti, mamme e gli stessi bambini. Accanto a loro gli animatori dell’oratorio “Maria Ausiliatrice” di via Caronda, universitarie del pensionato “Madre Morano”, volontari di Acireale e Trecastagni.

Presente anche l’associazione “Teniamoci per mano Onlus” ma sopratutto le responsabili dell’oratorio, suor Ausilia, suor Renata e suor Enza, che assieme al parroco Fabio Vassallo hanno presentato un momento di catechesi partendo dal vangelo di Giovanni sul tema “Maestro dove Abiti?”. Un modo costruttivo per aiutare centinaia di bambini a dare sfogo a tutta la loro creatività e, sopratutto, a tenerli lontani da quella strada che spesso cancella il sorriso e trasforma troppo in fretta gli adolescenti in adulti. Ragazzi che in questa festa si sono messi in gioco, hanno collaborato ed ascoltato.

L’incontro si è concluso con le parole di Papa Francesco: “Con Gesù o senza Gesù #non è la stessa cosa” e con la benedizione finale di padre Fabio per tutte le famiglie.

Redazione NewSicilia