Blitz
 

Imprenditore di Belpasso pagava mille euro al mese come pizzo: 8 arresti per estorsione. IL VIDEO

25 nov 2015 - 06:30

BELPASSO – Uscito di carcere dopo 26 anni, Aldo Navarria, 53 anni, ci tornerà molto presto. Le indagini dei carabinieri, infatti, hanno portato al suo arresto insieme ad altre 7 persone per estorsione effettuata con il metodo mafioso.

Il risultato è frutto di un’attività investigativa legata ad un’impresa edile di Belpasso dedita alla lavorazione del marmo e al fermo di Mirko Presti, 28 anni, colto in flagrante mentre chiedeva il pizzo.

Infatti, all’insaputa del titolare, i militari hanno cercato conferme dei loro indizi ponendo sotto controllo ciò che accadeva nell’impresa. E, lo scorso 19 novembre, Presti è stato filmato mentre riceveva dei soldi dall’imprenditore. Tempestivo l’intervento dei carabinieri, che lo hanno arrestato.

Successivamente, le forze dell’ordine hanno ascoltato il proprietario dell’azienda e il suo socio, che solo dopo tante pressioni, si sono decisi a confermare e ad ammettere di essere stati vittima di estorsione. Decisivo, in questa situazione, un referto medico ottenuto dai carabinieri in cui erano evidenti alcune lesioni al bacino di uno dei due interrogati. Qualche tempo prima, infatti, uno dei titolari era stato vittima di aggressione, ma aveva deciso di recarsi in ospedale solo dopo qualche giorno.

Ad orchestrare il tutto era Aldo Navarria, che, uscito di prigione, stava cercando di ricostituire la banda. La richiesta era molto alta: 1000 euro dilazionate in due rate ogni 15 giorni. Poi, la richiesta, era scesa a 600 in seguito ad alcune difficoltà economiche.

Oltre ai due sopra citati, in manette sono fine altre 6 persone:

  • Antonino Bonaccorsi, 61 anni
  • Francesco Carmeci, 50 anni
  • Gaetano Doria, 46 anni
  • Rosario La Rosa, 37 anni
  • Gianluca presti, 34 anni
  • Antonino Prezzavento, 45 anni

Redazione NewSicilia