Evento
 

Grande festa per i 60 anni di sacerdozio di Padre Alfio Salemi

Commenti

commenti

22 giu 2017 - 19:14

CATANIA - Può una singola persona rappresentare un intero quartiere abitato da decine di migliaia di persone? Assolutamente si, se l’uomo in questione altri non è se non Padre Alfio Salemi. Il parroco della chiesa “San Luigi Gonzaga” ieri, circondato dall’affetto dei fedeli, ha festeggiato i 60 anni di sacerdozio, di cui 53 passati proprio nella parrocchia del viale Mario Rapisardi, con una solenne messa apostolica.

Grande spiritualità, devozione e affetto che al grido di “Viva Padre Salemi” ha raccolto nel cortile interno della chiesa gli abitanti di un territorio che da piazza Santa Maria di Gesù arriva fin quasi a piazza Eroi D’Ungheria. Tanti anni sono passati da quel 1969 quando un giovane parroco mise piede in una piccola chiesa che rappresenta un piccolo punto di un quartiere che, all’epoca, era estrema periferia di Catania.

Da allora, mattone dopo mattone, iniziativa dopo iniziativa, messa dopo messa, quella Casa del Signore è diventata parte integrante della città. La chiesa “San Luigi”, grazie al lavoro incessante del suo parroco, ha saputo unire, far crescere e formare migliaia di giovani e meno giovani. L’entità per eccellenza del quartiere da cui parte tutto. Padre Alfio Salemi in oltre mezzo secolo di sacerdozio ha vissuto sulla propria pelle tutto questo. Un uomo che è stato missionario in Zaire e in Tanzania ed ha contribuito a far costruire pozzi e scuole. Una persona che nel suo ufficio conserva ritagli di giornale, documenti e attestati. Faldoni su faldoni dove sono raccolti quasi 50 anni di vita dell’intero viale Mario Rapisardi.

Oggi a celebrare i suoi sessant’anni di sacerdozio c’erano i componenti dell’Azione Cattolica, della Gibra (Gioventù Francescana), del Terzo Ordine Francescano, i catechisti, i coristi, gli organizzatori dei grest, i bambini, le famiglie e chiunque sia legato alle attività sociali e didattiche che il parroco del “San Luigi” ha saputo costruire in tutti questi anni.

“Nessuno nel quartiere si sarebbe mai sognato di perdere un evento tanto importante - spiega Nico Sofia, presidente del comitato “Terranostra” -. Padre Salemi per tanti senzatetto, ragazzi, giovani madri e persone che vivono situazioni e contesti sociali molto difficili rappresenta un’ancora di salvezza. Un uomo che con il suo sorriso e le sue parole cariche di umanità cristiana sa scaldare i cuori e dare speranza per il futuro. Un punto di riferimento da seguire giorno dopo giorno”.

In 53 anni di sacerdozio al viale Mario Rapisardi Padre Salemi ha celebrato 14.000 battesimi, circa 4.000 matrimoni e un numero incalcolabile di funerali. Numeri che evidenziano il forte legame tra il territorio e il suo parroco. “Centinaia di uomini e donne hanno cominciato qui come chierichetti e nonostante siano diventati professionisti, architetti, artigiani e imprenditori – sottolinea il parrocchiano Carmelo Sofia – non si sono mai dimenticati le proprie origini e il volto del parroco sempre pronto a regalare un sorriso a tutti».

 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia