Novità
 

Grace Pollicina: estro ed eleganza made in Sicily

26 lug 2016 - 11:11

MALETTO - La moda italiana è da sempre emblema dello stile e dell’eleganza del made in Italy nel mondo oltre che grande attrazione del turismo internazionale insieme all’arte, al food e alla musica.

È la giovane stilista siciliana Grace Pollicina a raccontare le tendenze, gli stili e le novità del mondo dell’abbigliamento attraverso “la nuova sartoria”: un mix perfetto tra la qualità dell’abito, l’originalità e l’accessibilità dei costi.

Ci troviamo in Sicilia, precisamente a Maletto, un paesino ai piedi dell’Etna in provincia di Catania dove Grace a soli 24 anni è già creatrice di numerosi capi di sartoria che puntano a: “Mescolare versatilità e stravaganza attraverso una sfida affascinante che io ho, assolutamente, scelto di intraprendere e perseguire con cuore e passione”.

Grace progetta e disegna le sue collezioni, ma non si ferma qui: è lei stessa, infatti, che li confeziona interamente, creando modelli su misura con cura e dedizione coerentemente con le caratteristiche di chi deve indossarli. La principale fonte di ispirazione è la sua terra, il racconto di un territorio unico al mondo, non solo le specialità culinarie, ma anche l’architettura e le tradizioni storico-culturali che la caratterizzano.

Nella sua ultima sfilata “Grace for red tradition”, che ha visto l stilista al centro della storica ricorrenza annuale in omaggio al frutto del suo Paese – la fragola di Maletto “perla rossa dell’Etna” – ha voluto presentare a un vasto pubblico una qualità d’abito accessibile a tutti, nonostante l’alta qualità sartoriale. La prossima collezione sarà, invece, ispirata al Barocco siciliano, all’architettura di città come Noto, Catania e Palermo.

Uno stile ricco di segni curvilinei, animato da forme vistose, da armonie policentriche in un gioco di luci e di ombre tipico di un movimento che ha segnato l’estetica tra il XVII e gli inizi del XVIII secolo. La collezione di Grace è arricchita anche dalla linea baby in cui la stilista si è cimentata nell’improvvisazione di un book fotografico in nel parco suburbano di Maletto “Le principesse di Grace collection”, progetto iniziato e in work in progress.

Sempre tra le suggestioni paesaggistiche del territorio lo scorso Agosto la sfilata della collezione “Fashion is a religion” dà il via al primo fortunato “fashion schow” nel quale Grace prendendo spunto da una citazione di Karl Lagerfield dal titolo di impatto si ispira alle icone di stile senza tempo, iniziando in modo così ambizioso la brillante esperienza nel mondo della moda.

Qual è il tuo sogno nel cassetto e gli stilisti di riferimento?

“Vorrei aprire una boutique che porti il mio nome, registrare un marchio che rappresenti in modo distintivo le mie capacità sartoriali e il mio stile distintivo. Mi piacerebbe esaltare e mettere in equilibrio eccesso e semplicità in collezioni d’avanguardia. I miei stilisti di riferimento sono senza alcun dubbio Dolce & Gabbana, artisti eccellenti, tra i migliori nel made in Italy e per questo conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo”.

Caratteristiche delle creazioni che ami di più?

I capi sono quasi sempre caratterizzati da tagli semplici che si accompagnano però a tessuti e dettagli particolari. Mi piace molto arricchirli con passamanerie e particolarità per conferire agli stessi maggiore personalità con gradazioni di colori che scelgo in relazione al tema e all’ispirazione del momento. Le creazioni in bianco e nero sono per me vere e proprie storia d’amore. Rappresentano il mio sogno da bambina, una polaroid che ferma il tempo in un attimo di felicità, un faro di speranza, un piccolo diamante che racchiude tutto ciò che di più bello esiste al mondo: l’arte, la creatività, la vita“.

Redazione NewSicilia