Concorso
 

Giovani per le Arti Visive, la premiazione ad Agrigento

Giovani per le Arti Visive, la premiazione ad Agrigento

18 nov 2016 - 17:03

AGRIGENTO - Grande appuntamento domani, sabato 19 novembre, alle 18, alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento per la proclamazione dei vincitori della seconda edizione del Premio FAM – Giovani per le Arti Visive, promossa dall’associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento.

Il concorso è dedicato agli artisti emergenti siciliani under 35 e il tema è l’arte visiva. Le opere in gara, esposte dal mese di ottobre, sono state esaminate nelle scorse settimane da un’attenta giuria, formata da Michele Bonuomo, direttore del mensile Arte-Cairo Editore, Giovanni Giuliani, collezionista d’arte contemporanea e presidente dell’omonima fondazione romana, Marco Meneguzzo, docente dell’Accademia di Belle Arti di Brera e da altri illustri esperti.

Ai tre vincitori in premio tre residenze d’artista e, otre a quello della critica, sarà assegnato quello del pubblico, che in queste settimane ha votato l’opera più bella. Questo premio sarà intitolato a Giusto Sucato, artista palermitano recentemente scomparso.

Gli artisti in gara alla seconda edizione del Premio FAM giovani per le Arti Visive sono stati proposti da una commissione selezionatrice composta da storici e critici, curatori, artisti, galleristi e direttori di museo, tra cui Alessandro Bazan, Giusi Diana, Enzo Fiammetta, Daniele Franzella (vincitore dell’edizione 2014), Giuseppe Frazzetto, Francesco Galvagno, Alfonso Leto, Massimo Ligreggi, Valeria Li Vigni, Ezio Pagano, Francesco Pantaleone, Filippo Pappalardo, Giacomo Rizzo, Giovanni Rizzuto, Antonio Sarnari e Sergio Troisi.

Il Premio FAM Giovani per le Arti Visive vuole portare alla luce la nuova generazione di artisti siciliani nel solco della continua attività di ricerca che hanno già distinto il lavoro delle Fabbriche Chiaramontane verso artisti storicizzati.

Dal 2001, infatti, gli spazi delle Fabbriche hanno ospitato decine di mostre, ospitando autorevoli critici e storici dell’arte che hanno mappato la produzione artistica in Sicilia del secolo scorso. Molteplici i linguaggi in concorso: pittura, scultura, video e fotografia, installazioni, performance, street art.

Redazione NewSicilia