Fumettistica
 

Etnacomics, è subito "boom" di presenze: si parte con Cristina D'Avena, omaggio alla Sicilia

Commenti

commenti

1 giu 2017 - 13:30

CATANIA - Tanta attesa e fila di persone interminabile già dalla ore 7,30 di questa mattina. Si presenta così l’Etnacomics 2017 al centro fieristico Le Ciminiere di Catania.

L’evento richiama numerosissimi appassionati che vengono da ogni parte della Sicilia e non solo. Quella di quest’anno, è la settima edizione, un’occasione che potrebbe rappresentare un’ulteriore conferma di quanto costruito fino a ora, come spiegano gli organizzatori: “Richiede tanto tempo di preparazione, ma alla fine cerchiamo sempre di offrire ampio spazio per tutti gli amanti della fumettistica, costumistica, videogame, elettronica, tecnologia e giochi di ruolo. Si parla tanto di crisi: proprio per questo potremmo essere risucchiati o dimostrare di essere una grande realtà”.

L’inizio è promettente: come detto, dalle prime ore di questa mattina, sono stati tantissimi gli appassionati che, con ordine, si sono disposti in fila per entrare. Tanti i personaggi presi a imitazione, come quelli della Disney, dei manga, dei cartoni animati giapponesi o dei film della Marvel o DC. A tal proposito, tanti gli ospiti attesi, tra cui la cantante Cristina D’Avena, la voce delle sigle dei cartoni in Italia.

E, poi, un omaggio alla Sicilia: a fare da specchio dell’Isola e copertina dell’evento è un guerriero ispirato al personaggio Uzeda, che avrebbe ucciso centinaia di ursini con un solo colpo di spada. Un uomo dai tipici tratti somatici siciliani e un’espressione sprezzante del pericolo. 

Sempre in questa idea rappresentativa dell’Isola, un fumettista palermitano, Giulio Rincione, ha realizzato la quarta di copertina con un ragazzino impegnato a leggere affacciato alla finestra. Un’immagine, però, corredata di elementi tipici della Trinacria: 3 cannoli, una granita, 3 arancini, un fumetto di Dylan Dog e un vaso contenente un albero di limone e fiori di zagara.

Andrea Lo Giudice – Marco Bua

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia