Rappresentazione
 

Una Divina Commedia dal sapore siciliano: arriva "Infernu di Dante"

Commenti

commenti

10 ago 2017 - 11:08

MESSINA - Una traduzione dall’italiano al siciliano e un tour per l’isola assolutamente da non perdere.

Suggestivo e con una chiave di lettura alternativa, come ha spiegato la regista Berta Ceglie, lo spettacolo “Infernu di Dante” esordirà domani alle Gole dell’Alcantara alle ore 20,15. Si prevede un grande successo e, anche per questo, in programma ci sono altre due messinscena nei due giorni successivi.

La rappresentazione è promossa dal Centro Cultura Mediterranea e prodotta con il contributo di Regione, comune di Motta Camastra, Parco Fluviale dell’Alcantara, associazione albergatori di Taormina e aziende come Video Bank, che è anche partner tecnologico. Ogni sera si svolgeranno, come detto, tre rappresentazioni, con gli spettatori che, a gruppi di duecento, saranno fatti scendere in ascensore in riva al fiume.

A rappresentare l’Infernu saranno, oltre alla Ceglie nei panni di Alighieri, gli attori Camillo Sanguedolce (Caronte, Brunetto Latini), Tecla Guzzardi (Francesca), Elmo Ler (Farinata), Antonio Marino (Ulisse), Sebastiano Mancuso (Conte Ugolino). La figura di Virgilio sarà portata in scena dal mimo Rosario Vasile, con la voce fuori campo di Giovanni Anzalone. Lo spettacolo sarà arricchito dagli interventi della Compagnia City Ballet (Tecla Guzzardi, Chiara Coco, Giulia Bertino e Michelangela Cristaldi), e della Compagnia Anima Ignis, manipolatori del fuoco. I costumi, elaborati da Mabest, sono di Gabriella Ferrera, i movimenti scenici di Sergio Platania e gli effetti sonori di Sergio Greco.

Il grande lavoro di traduzione di Cuddè in siciliano renderà ancora più suggestiva e magica la storia raccontata nella Divina Commedia.

Questa commistione di lingua e paesaggi suggestivi siciliani renderà assolutamente unico e imperdibile lo spettacolo. I biglietti per lo spettacolo sono in vendita su Box Office.

Nelle foto un assaggio dell’incredibile atmosfera offerta dalla rappresentazione.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia